Brazilian Jiu-Jitsu

1 Campionato Italiano di Brazilian Jiu-jitsu (FigBJJMMA)

1 Campionato Italiano di Brazilian Jiu-jitsu (FigBJJMMA) 1

La prima o la seconda domenica di maggio si svolgerà a Roma il 1° Campionato Italiano di Brazilian Jiu-Jitsu della FigBJJMMA

1 Campionato Italiano di Brazilian Jiu-jitsu (FigBJJMMA)

1 Campionato Italiano di Brazilian Jiu-jitsu (FigBJJMMA) 2

La prima o la seconda domenica di maggio si svolgerà a Roma il 1° Campionato Italiano di Brazilian Jiu-Jitsu.

La competizione sarà maschile e femminile e per atleti maggiori di 4 anni di età.

Per partecipare alla competizione non è necessaria l’affiliazione della Società Sportiva e non è necessario il tesseramento degli atleti alla Federazione.

Solo alla classe Seniors serie A potranno iscriversi esclusivamente gli atleti con cittadinanza italiana perché questo torneo costituirà prova di selezione per la Nazionale Italiana che parteciperà ai Campionati Europei e ai Campionati Mondiali della FILA che si svolgeranno rispettivamente a giugno 2012 e a ottobre 2012.

Tutte le altre classi di età e serie saranno tornei OPEN, ossia aperti ad atleti di qualsiasi nazionalità (anche stranieri non residenti in Italia).

Ai Campionati Mondiali 2012, i primi due atleti classificati nelle categorie di peso 71kg e 92kg maschili e 64kg femminile, si qualificheranno per i SportAccord World Combat Games, che si svolgeranno in Russia nel 2013.

La quota di iscrizione è di 20 euro per gli atleti tesserati alla Federazione e per gli atleti in possesso di licenza FIJLKAM, e di 30 euro per tutti gli altri (non sarà possibile affiliarsi o tesserarsi in sede di gara).

La gara sarà trasmessa su RAISPORT in data da definire.

 

CLASSI DI ETA’ E CATEGORIE DI PESO:

Il controllo del peso viene effettuato in sede di gara soltanto il giorno della gara. Durante il controllo del peso gli atleti devono indossare la biancheria intima.

– Bambini (4-5 anni di età compiuti)

– Fanciulli (6-8 anni di età compiuti)

– Ragazzi (9-11 anni di età compiuti)

– Novizi (12-13 anni di età compiuti)

Maschi e femmine: 27, 30, 34, 38, 42, 46, 50, 55, 60, 66, 72, +72kg

– Esordienti (14-15 anni di età compiuti)

Maschi: 32, 35, 38, 42, 47, 53, 59, 66, 73, 85, +85kg

Femmine: 30, 32, 34, 37, 40, 44, 48, 52, 57, 62, +62kg

– Cadetti (16-17 anni di età compiuti)

Maschi: 42, 46, 50, 54, 58, 63, 69, 76, 85, 100, +100kg

Femmine: 38, 40, 43, 46, 49, 52, 56, 60, 65, 70, +70kg

– Juniors (18-19 anni di età compiuti)

Maschi: 58, 62, 66, 71, 77, 84, 92, +92kg

Femmine: 49, 53, 58, 64, 71, +71kg

– Seniors (maggiore di 18 anni di età)

Maschi: 62, 66, 71, 77, 84, 92, 100, +100kg

Femmine: 53, 58, 64, 71, +71kg

– Veterans (maggiore di 35 anni di età)

Maschi: 62, 66, 71, 77, 84, 92, 100, +100kg

Femmine: 53, 58, 64, 71, +71kg

 

Gli atleti che hanno compiuto 18 anni di età ma non ancora 20 anni di età, possono competere sia nei Juniors che nei Seniors.

Gli atleti che hanno compiuto 35 anni di età, possono competere sia nei Seniors che nei Veterans.

Nelle gare dei Bambini, dei Fanciulli e dei Ragazzi non ci sono categorie di peso e vengono premiati a pari merito tutti gli atleti partecipanti.

Gli atleti minorenni per partecipare alla gara devono essere accompagnati dal Presidente della società sportiva o da un suo delegato maggiorenne.

 

SERIE

Gli atleti della classe di età Seniors e Veterans sono suddivisi in serie A, B, C e D.

Al torneo di serie D possono partecipare esclusivamente gli atleti cinture bianche o che praticano sport di lotta da meno di un anno.

Al torneo di serie C possono partecipare gli atleti fino al grado di cintura blu o che praticano sport di lotta da meno di due anni.

Al torneo di serie B possono partecipare gli atleti fino al grado di cintura viola o che praticano sport di lotta da meno di cinque anni.

Al torneo di serie A può partecipare qualsiasi atleta.

Gli atleti della classe di età Cadetti e Juniors sono suddivisi in serie A e B.

Al torneo di serie B possono partecipare esclusivamente gli atleti cinture bianche o che praticano sport di lotta da meno di un anno.

Al torneo di serie A può partecipare qualsiasi atleta.

Chi è l'autore

Manolo

Manolo "El ChupaCabra"

Praticante di MMA, agonista di BJJ e grappling, ottimo conoscitore delle arti marziali miste e del valetudo. Manolo "El Chupacabra" non è niente di tutto questo.

13 Commenti

  • Quindi una cintura blu può fare in classe A, dove teoricamente ci sono le nere?
    Che cinture vanno indossate allora sul kimono e non è questo un cambiamento totale del BJJ?

  • Ricordo che la FILA è una federazione Olimpica facente parte di SportAccord, per cui deve rispettare determinati standard.

    Una delle priorità per la FILA che ad un mondiale ogni nazione possa partecipare, portando 1 atleta per categoria di peso, che deve quindi essere il più forte indipendentemente dalla cintura che indossa.

    Ci sono paesi che non hanno cinture nere a determinate categorie di peso, o situazioni in cui il più forte atleta non è cintura nera.

    Ad esempio un Ivan Tomasetti (che è viola attualmente) è probabilmente il più forte atleta a 100kg in italia di BJJ, e non c’è nessun motivo per cui non debba poter rappresentare l’italia al mondiale.

    Stessa cosa un Raffi, che dovendo rispettare rigidamente il ranking del BJJ, dovrebbe combattere con le bianche, pur avendo sconfitto diverse cinture nere nei passati mondiali FILA (con e senza GI).

    Una cosa simile viene fatta nella World Pro JJ league dove le marroni possono combattere con le nere, e dove Roldolfo Viera da cintura marrone vinse il titolo, battendo quotate cinture nere come Peinado o Estima.

    Ricordo che quando si parla di FILA si parla di un vero campionato del mondo, con nazionali che rappresentano i vari paesi, e non tornei open con atleti che rappresentano il proprio team e dove puoi avere 20 persone della stessa nazionalità nella stessa categoria di peso.

    è normale che certe logiche tipiche dei tornei IBJJF non siano applicate in un torneo FILA.

  • Roberto, Tommasetti (judoka con i controcazzi) fa BJJ con Luca Anacoreta all’Aeterna Jiu Jitsu….
    Lo scritto di Vito è molto chiaro, poi ognuno è libero di fare quello che vuole.
    Quando nacque la FIG ci furono diverse critiche per il grappling, ma il tempo le ha smentite. Nacque la FIGMMA e le critiche aumentarono e furono smentite, Adesso c’è la FIGBJJMMA e le critiche ci sono ancora… il tempo di realizzare e verranno smentite anche queste.

  • Per dovere di cronaca. Tommasetti ha vinto un mondiale nelle Blu di Bjj. Credo sia ad oggi l’unico italiano ad aver vinto un mondiale. Ora credo sia Viola.

  • Per dovere di cronaca. Tommasetti ha vinto un mondiale nelle Blu di Bjj. Credo sia ad oggi l’unico italiano ad aver vinto un mondiale (non ne sono sicuro). Ora credo sia Viola.

  • E allora togliamo le cinture dal BJJ, ma anche dal Grappling e dalle MMA (che non se ponno vedè)

  • Le cinture sono necessarie perchè sono un vincolanti verso il basso e non verso l’alto.

    Una viola non deve poter combattere con le bianche, perchè sarebbe ingiusto.

    Ma la stessa viola deve poter combattere con le nere, perchè se è in grado di batterle è giusto che prenda il posto in nazionale.

  • La FILA non ha ancora mandato le linee guida ufficiali, ma a quanto è stato anticipato, il regolamento sarà quello solito del BJJ per quanto riguarda il punteggio.

    Non so se la lunghezza dei match sarà come quella IBJJF o ad esempio come quella della World PRO JJ (che come durata dei match han 5 e 6 minuti) e se ci saranno le stesse limitazioni alle tecniche che sono state introdotte dal 2012 dalla IBJJF (che da questo anno son diventate molto più restrittive, cosa che non è stata apprezzata da molti).

    Riguardo a quelle che sono le differenze certe rispetto all’IBJJF la presenza dei ripescaggi e dei gironi all’italiana (perché sono uno standard di tutti gli sport FILA e che garantiscono all’atleta un numero minimo di match ogni torneo).

X