News & Media

Machida: “Per me il gioco di scacchi è lo striking”

Quando si pensa a un combattente brasiliano si immagina un buon grappler con decenti abilità da picchiatore, ma questo sta cambiando, grazie a Lyoto Machida e Anderson Silva.

monociglioPrima di tutto il mio rispetto per Lyoto Machida, degno possessore del sacro monociglio, come Bergomi ed Elio prima di lui. Scherzi a parte questa mini intervista apparsa su tatame è interessante: quando si pensa a un combattente brasiliano si immagina un buon grappler con appena decenti abilità da picchiatore, ma questo sta cambiando. Gli artefici di questo cambiamento sono Anderson Silva e Lyoto Machida. Il campione di Karate Shotokan (nonche detentore del titolo dei massimo leggeri UFC) ci ricorda: “Noi (il brasile NdR) ha sempre avuto grandi campioni di boxe come Arcelino “Popó” Freitas,  e sempre grandi combattenti di karate e kickboxing.


Abbiamo sempre avuto grandi combattenti in piedi, oltre a ovviamente al jiu-jitsu, che ci ha aperto il mondo. Non posso fare a meno di ricordare che anche prima di me e Anderson c’erano grandi striker brasiliani nell’UFC, come Marco Ruas, Pedro Rizzo e Vitor Belfort.”lyoto_machida_karate_kick

Le percussioni sono sempre state definite una lotteria, poichè un pugno può concludere un incontro, ma Lyoto garantisce che non è cosi:

“Secondo me questa cosa ha poco senso. lo Striking è il vero gioco di scacchi, ed è dove metto tutta la mia tecnica. Qualche volta faccio muovere l’avversario dove voglio,altre volte lascio uno spiraglio aperto cosi può calciare e io posso ribattere”

lyoto_kics_tito_ortiz

Chi è l'autore

Manolo

Manolo "El ChupaCabra"

Praticante di MMA, agonista di BJJ e grappling, ottimo conoscitore delle arti marziali miste e del valetudo. Manolo "El Chupacabra" non è niente di tutto questo.

X