UFC

Milano in the cage 2012: revisione verdetto match tra Christian Leoni e Omar Sylla

Milano in the cage 2012: revisione verdetto match tra Christian Leoni e Omar Sylla   1

Filippo Leone mi manda questa mail a riguardo del Milano in the cage 2012 sul discusso risultato del match tra Christian Leoni e Omar Sylla

Filippo Leone mi manda questa mail a riguardo del Milano in the cage 2012 sul discusso risultato del match tra Christian Leoni e Omar Sylla  ( ne ho parlato qui: http://www.grappling-italia.com/23198/2012/milano-in-the-cage-ii-risultati-report.html )

 

In merito al match di MMA, tenutosi in data 21 Aprile 2012 a Sesto S. Giovanni nel galà ‘Milano in the Cage 2’, tra gli atleti Christian Leoni e Omar Sylla con il presente comunicato ufficiale si rende noto che:

  • – il verdetto espresso dai Giudici al termine del combattimento vedeva vincitore l’atleta Christian Leoni;
  • – la sera stessa dell’evento Marco Santi, coach dell’atleta Omar Sylla, comunicava a Claudio Alberton, promoter organizzatore del Galà, e al sottoscritto Filippo Leone, arbitro della serata e Presidente della Giuria ADCC-Shooto Italia, l’intenzione di presentare un ricorso scritto per attivare la procedura di riesame del verdetto arbitrale contestando il risultato finale che vedeva il suo atleta Omar Sylla perdente ai punti e per decisione dei Giudici di Gara;
  • – nei giorni immediatamente successivi all’evento, Marco Santi attivava quindi la procedura inoltrando formale richiesta a Claudio Alberton e al sottoscritto.
  • La Commissione Arbitrale da me presieduta, accettato il ricorso di Marco Santi e presa visione nuovamente del match tramite video, si esprime quindi per la revisione e modifica del verdetto precedente assegnando la vittoria all’atleta Omar Sylla.

Filippo Leone

Chi è l'autore

Manolo

Manolo "El ChupaCabra"

Praticante di MMA, agonista di BJJ e grappling, ottimo conoscitore delle arti marziali miste e del valetudo. Manolo "El Chupacabra" non è niente di tutto questo.

18 Commenti

  • Purtroppo questa vicenda fa perdere molta credibilità e serietà un evento che sembrava avere le carte in regola. Il solito compromesso all’italiana.
    L’errore dei giudici, se c’è stato, fa parte del match, così come può sbagliare l’atleta o l’arbitro. Non esiste cambiare il giudizio, perchè allora, così fosse, potrebbero essere riesaminati più di un match.
    Purtroppo si è scaduti nel ridicolo.

  • Fino a ieri il giudizio dell’arbitro era insindacabile. Da oggi non lo è più, almeno negli eventi di milano in the cage. Però non facciamolo sapere in giro, altrimenti ci ridono dietro per anni. Ma essendoci di mezzo Leone…

  • Ma non può essere attinente al risultato regolarmente sanzionato, bensì a fatti che possono averlo determinato. Faccio un esempio: si scopre dal video che un fighter era pieno di vasellina o non ha battuto. Quanti verdetti scandalosi rimangono tali nello UFC? TUTTI

    • Esatto.

      In UFC i giudici non sono sindacabili per regolamento, in Italia non è così ( per lo meno per la Shooto, il cui regolamento veniva usato al MitC e per la Fikbms )

  • E’ davvero scandaloso, se poi si considera che da vittoria per uno non si è passati al pari, ma alla vittoria per l’altro e su due round, non su 10, il che vuol dire che i round sarebbero stati dati al contrario da tre giudici in entrambi i round.
    Se dovessi combattere per milano in the cage, a questo punto mi dovrei preoccupare di vincere due volte, nella gabbia e nel post match. Scandaloso

    • @Roberto: guarda che non era una decisione unanime già prima. Se ci vogliamo lamentare anche quando viene risolta una “ingiustizia” che hanno visto praticamente tutti….

  • Ha ragione Roberto. Cosa vuol dire rivedere l’incontro e ribaltare il risultato?

    se hanno sbagliato a contare posso capirlo (in effetti era complicato sommane 2 round :-),

    per se c’è stato un giudizio errato dei giudici perchè non capiscono nulla di MMA (chupas for president!!),
    questi ultimi vanno inculati a sangue da Sylla… (o dalla commissione) ma non è giusto che l’arbitro cambi un risultato rivendendo l’incontro

    ma non credo che due torti (sconfitta a sylla e poi sconfitta all’avversario) facciano una cosa giusta.

  • Fate i bravi !

    Stefano credo che abbia centrato il punto: se nel regolamento Shooto si puo modificare a posteriori il risultato anche per errori di giusizio da parte dei giudici allora la cosa è regolare.
    se invece fanno il regolamento dell’UFC non credo proprio.

    concordo con Kaze qui sopra: “ma non credo che due torti (sconfitta a sylla e poi sconfitta all’avversario) facciano una cosa giusta.”

    però è vero che se in america hanno Cecil People non vedo perchè non dovremmo averne uno anche in Italia. (ironico :-)

  • Ciao Roberto,
    mi sembri una persona preparata, per cui non capisco perchè ti incazzi così per questa decisione.
    Il combattimento lo ha vinto Sylla, questo lo hanno visto tutti tranne i giudici.
    Cambiando il verdetto dei giudici incompetenti,si è solo fatta giustizia.
    Per fare un servizio completo bisognerebbe radiare a vita chi ha giudicato il combattimento in quel modo.
    Per me anche Leone dovrebbe cambiare mestiere.
    Non si può lasciare per più di 4 minuti Morini in lateral su Celotto senza azione.
    Per me azione non è dare delle ginocchiate inoffensive senza provare mai ad andare in monta.
    E se vogliamo dirla tutta anche il verdetto di Borgomeo-Rigamonti non mi convince..

  • Guarda che una organizzazione che si voglia considerare seria non ribalta i risultati di un match, giusti o sbagliati che siano. Nell’UFC ci sono stati fighters che hanno subito verdetti vergognosi, ma nulla è stato cambiato. Se i giudici o gli arbitri sbagliano, vengono rimossi (l’UFC fa così).
    Sylla aveva vinto, ma se sono incompetenti giudici ed arbitro, non è colpa di Leoni e non esiste “rivedere” il risultato al contrario.
    Borgomeo aveva perso, non ha fatto nulla per tre round. Capussela invece forse meritava il pari. Che facciamo, rivediamo tutto a posteriori?

  • Rivedere tutto a posteriori non si può.
    Però si può fare qualcosa per la prossima edizione.
    1) I 4 o 5 match più importanti devono essere sulle 3 riprese.
    2) Arbitri e giudici preparati. Ma non preparati in teoria. Con un esperienza in materia fatta sul campo. Verginelli a Firenze ha sempre arbitrato bene, per esempio.
    3)Regole UFC per la card principale. Con le gomitate al tappeto ci sarebbe più spettacolo e meno round tipo la seconda di Morini-Celotto.
    Che ne dici Roberto?

  • Concordo sui tre round. Il pareggio è il risultato più brutto per il pubblico e per gli atleti (ciascuno dei due crede di avere vinto). Non credo che in UFC ci sia più di un paio di arbitri che abbia combattuto nelle MMA (e non sono i migliori). Un bravo atleta deve essere un bravo atleta ed un bravo arbitro un bravo arbitro.
    Regole UFC ma senza gomiti a terra, dove non fanno ko, ma tagliano solamente.

  • Aggiungo che i 2 round portano o possono portare spesso al pari, che in America ed io ci sono stato è un risultato che fanno di tutto per evitare. Anche in caso di parità, in molti regolamenti, esiste la possibilità di esprimere una preferenza.

  • Roberto sei un pò troppo polemico e critico per i miei gusti.
    I giudici non vanno bene, gli arbitri sono scadenti, i verdetti scandalosi..
    Ti dò un consiglio.
    Torna in America e vatti a vedere l’ UFC, così forse lo spettacolo ti soddisfa.
    Bye bye

  • Ho espresso il mio punto di vista. I giudici ed il verdetto di Sylla-Leoni erano corretti, scandaloso è stato farsi mettere il guinzaglio ed accettare un reclamo.
    Per gli arbitri non mi pare di essere solo a pensarla in un certo modo.

X