News & Media UFC

Melendez vuole cercare di uccidere Henderson

Melendez vuole cercare di uccidere Henderson 1
Lorenzo
Scritto da Lorenzo

Lo sfidante infiamma il main event di sabato

gilbert-melendez
L’alfiere del Cesar Gracie Team sembra molto e forse troppo motivato per il match di sabato a UFC on FOX 7. Sebbene dica di rispettare molto il campione Ben Henderson, pensa che il suo compito sia di provare metaforicamente (si spera) ad ucciderlo:

Non importa perché ma c’è astio, c’è calore. Io rispetto Benson. Lui è il numero uno al momento. Lui è il campione UFC. Ma il giorno della lotta, ho intenzione di cercare di ucciderlo. Non ho cattive intenzioni, ma è una questione personale. Non ho bisogno di essere arrabbiato con qualcuno. Sono un professionista, e so come accendere l’interruttore e spegnerlo quando ne ho bisogno. Alcune persone lo accendono con un mese di ritardo. Io lo accendo proprio quando è il momento.

“Sarà intenso. Sarà una questione personale. E’ come combatto io. Ho intenzione di cercare di uccidere il ragazzo. Non ho bisogno che facciano trash-talking su di me. Però che sia chiaro, il giorno della lotta, Benson non è mio amico. Lui infatti è il nemico quel giorno, e devo distruggerlo. Questa è la mentalità che devo avere.”

Sappiamo che i ragazzi di Cesar hanno bisogno di metterla sul personale per poter rendere al 100% (vero Nate?), però all’UFC non piacque molto l’ultima volta che un suo fighter parlò di uccidere l’avversario.

Per il resto Gil dice di aver messo qualche chilo per contrastare la fisicità di Bendo:

L’ho fatto su misura per Benson. Lui è sicuramente un ragazzo forte, e lo si può vedere là fuori. L’ho visto in prima persona. Ha quelle grosse gambe, è squartato, è un enorme 155-libbre. Sapevo che era necessario. Non direi che ho messo su più di tanta massa muscolare, ma un buon extra di tre libbre. Mi sento più scolpito. Mi sento più resistente, e io voglio essere in grado di subire i suoi calci e resistere ai danni. Ha anche contribuito a farmi stare più resistente durante il mio camp.

Sappiamo che Melendez non è un grosso peso leggero e probabilmente tenterà di scendere ai piuma se non dovesse vincere sabato.

Chi è l'autore

Lorenzo

Lorenzo

Una delle colonne portanti di Gitalia dal primo momento. Dopo anni di esilio in terra Australiana è tornato a insegnare a fare barbeque e parlare di MMA.
E' il capo-redattore delle MMA mondo (UFC in particolare) e cura colonne molto apprezzate come "sorvegliato speciale"

6 Commenti

  • Riuscirà il motivato Gilberto a non farsi ingabbiare dal tatticismo frantuma balle del campione? Sarà capace almeno per qualche frangente (un round è chiedere troppo) di penetrare nella guardia di Bendo e colpirlo di giustezza costringendolo a uscire dal copione, e regalarci così un seppur breve barlume d’emozione? O saranno le ennesime impeccabili ma catalettiche mezz’ore di Henderson anche stavolta a caratterizzare l’evento?

  • Hendo non mi sembra noioso. Con Guida e Miller son stati grandi match. Non ha le skills di finalizzatore alla Anderson ma è molto attivo. Con Frankie match magari meno belli(il secondo) perchè incontri per il titolo contro uno che cerca i punti e si muove in and out.
    Contro l’infinalizzabile Nate dominio con un paio di knockdown e tanto g ‘n p.
    Insomma non è al livello di Georges “zero rischi” Saint Pierre…

  • Bendo detto francamente non mi piace come fighter.
    Fisicamente però lo ritengo veramente ad un livello elevatissimo. Il più impressionante pound for pound? Penso di sì!

  • Giusto Lore, ma è una piega che si fa sempre più marcata. Più passa il tempo e più lui si fa robotico alla St Pierre, più va avanti e più perfeziona quel suo modo di combattere a tutto danno dello spettacolo. Non è questione di saper finalizzare o comunque avere dei colpi risolutivi. Anche Cain ha palesato queste mancanze, sen non altro il non saper finalizzare. Nell’ultimo match nemmeno avere il KO. Ma nessuno si sognerebbe di dire che Cain vs JDS 2 è stato un match noioso pur essendo durato 5 round.

  • •Giusto Lore, ma è una piega che si fa sempre più marcata. Più passa il tempo e più lui si fa robotico alla St Pierre, più va avanti e più perfeziona quel suo modo di combattere a tutto danno dello spettacolo. Non è questione di saper finalizzare o comunque avere dei colpi risolutivi. Anche Cain ha palesato queste mancanze, sen non altro il non saper finalizzare. Nell’ultimo match nemmeno avere il KO. Ma nessuno si sognerebbe di dire che Cain vs JDS 2 è stato un match noioso pur essendo durato 5 round.

X