Brazilian Jiu-Jitsu Tornei in Italia

FigMMA include il bjj = FigBjjMMA

FigMMA include il bjj = FigBjjMMA  1

Come un fulmina a ciel sereno, un’altra notizia bomba dalla FigMMA…. il BJJ entra nel corpus della Fila & CIO

FigMMA include il bjj = FigBjjMMA  2

Come un fulmina a ciel sereno, un’altra notizia bomba dalla FigMMA….

“La FILA, la Federazione Internazionale che rappresenta la maggior parte delle discipline di lotta presso il Comitato Olimpico Internazionale (CIO) e SPORTACCORD (l’organismo riconosciuto dal CIO che raggruppa le Federazioni Internazionali), aderendo alle richieste della comunità mondiale dei praticanti di Brazilian Jiu-Jitsu, ha accolto tra le sue discipline il Brazilian Jiu-Jitsu, uno stile di lotta con il kimono precursore del Grappling.

Malgrado la sua grande popolarità, al Brazilian Jiu-Jitsu mancava il riconoscimento da parte di una Federazione Internazionale riconosciuta dal Comitato Olimpico Internazionale (CIO).

La FILA sarà quindi l’unica Federazione Internazionale riconosciuta dal Comitato Olimpico Internazionale (CIO) e da SportAccord che gestirà a livello internazionale lo sport del Brazilian Jiu-Jitsu.

La FILA darà un’appropriata gestione e regolamentazione allo sport del Brazilian Jiu-Jitsu e, come per il Grappling e le Mixed Martial Arts, si impegnerà per portare questo sport prima agli SportAccord World Combat Games e poi alle Olimpiadi.

La Federazione Italiana Grappling MMA (FIGMMA), con l’introduzione del Brazilian Jiu-Jitsu, cambia denominazione diventando Federazione Italiana Grappling Brazilian Jiu-Jitsu Mixed Martial Arts (FIGBJJMMA).

Il nuovo sito federale diventerà www.figbjjmma.it

In Italia il Brazilian Jiu-Jitsu sarà quindi gestito dalla Federazione Italiana Grappling Brazilian Jiu-Jitsu Mixed Martial Arts (FIGBJJMMA) riconosciuta dalla Federazione Italiana Judo Lotta Karate Arti Marziali (FIJLKAM) del CONI e tutti gli amanti del Brazilian Jiu-Jitsu avranno finalmente una organizzazione che si occuperà seriamente di gestire, organizzare, promuovere, disciplinare e diffondere in Italia questo sport.

L’ingresso del Brazilian Jiu-Jitsu nella FILA e nella nostra Federazione Italiana rappresenta una grande opportunità per chi vuole che il Brazilian Jiu-Jitsu in Italia sia uno sport riconosciuto dal CONI, per chi sogna l’ingresso del Brazilian Jiu-Jitsu prima agli SportAccord World Combat Games e poi alle Olimpiadi in quanto la FILA, essendo già riconosciuta dal CIO, è l’unica Federazione Internazionale che avrà la possibilità di far entrare il Brazilian Jiu-Jitsu alle Olimpiadi.

In Italia l’affiliazione delle società sportive e il tesseramento ai settori Brazilian Jiu-Jitsu e Grappling saranno unici per permettere alle società sportive in cui si praticano entrambi gli sport (Grappling e Brazilian Jiu-Jitsu) di pagare una sola affiliazione annuale e agli atleti di partecipare alle gare di Grappling e di Brazilian Jiu-Jitsu pagando un unico tesseramento annuale alla Federazione.

Il I° Campionato Italiano di Brazilian Jiu-Jitsu, in cui sarà utilizzato il regolamento della IBJJF e di Abu Dhabi Pro, si svolgerà a Roma ad aprile/maggio e sarà organizzato dal consigliere federale Fabio Ciolli.

Lunga vita al Brazilian Jiu-Jitsu!!”

Considerando che la IBJJF prima o poi arriverà anche in italia… direi che a breve non avremo più penuria di tornei ! Molto bene… sono solo curioso di vedere la questione cinture come verrà gestita.

 

Chi è l'autore

Manolo

Manolo "El ChupaCabra"

Praticante di MMA, agonista di BJJ e grappling, ottimo conoscitore delle arti marziali miste e del valetudo. Manolo "El Chupacabra" non è niente di tutto questo.

7 Commenti

  • Wow. Condivido la curiosità sulla questione cinture.
    Poi mi chiedo se il circuito dei challenge finirà per aderire o confluire nella federazione.
    Magari è più utile avere un’unica divisione di cintura nel campionato italiano assoluto a cui può partecipare chi vuole. Sarebbe un modo per avere una scrematura che permette di avere meno atleti alla gara.
    Secondo me le cinture blu e binache dovrebbero avere l’obiettivo primario di fare esperienza in gara. Non di diventare campioni italiani di cinture bianca o blu. L’esperienza la possono fare nel circuito challenge oppure introducendo nuove gare.
    E’ quello che avviene nel judo e per le similitudini delle due discipline dal punto di vista di gradi e organizzazione delle gare è bene prendere esempio dal fratello più navigato.

    Antidoping yes!!

  • mi sfuggono in ordine:
    – i rapporti tra questa neonata figbjjmma e la ibjjf, già esistente
    – i rapporti di questa federazione con le cinture presenti sul territorio nazionale: come è riconosciuta una cintura viola o una nera non appartentente a questa federazione?

X