Submission Grappling Tornei in Italia

Nazionale Italiana di Grappling e MMA della FIGMMA

Nazionale Italiana di Grappling e MMA della FIGMMA 1

La Nazionale Italiana di Grappling che parteciperà al Campionato Europeo sarà la seguente:

Nazionale Italiana di Grappling e MMA della FIGMMA 2

La Nazionale Italiana di Grappling e la Nazionale Italiana di MMA, sotto la direzione dei rispettivi Direttori Tecnici Nazionali Saverio Longo e Fabio Ciolli, hanno svolto sabato 7 maggio a Roma, presso la palestra della società sportiva “Hung Mun Martial Society”, un allenamento collegiale di preparazione per il Campionato Europeo che si svolgerà in Ucraina dal 9 all’11 giugno 2011.
Prima dell’allenamento collegiale si sono svolti gli spareggi per la Nazionale di Grappling per le categorie di peso: 65 kg, in cui ha prevalso Sasso su Rimessi, 70 kg, in cui ha prevalso Ruotolo su Mazzeo, e 110 kg, in cui ha prevalso Tommasetti su Calamandrei e Saccone.
Lo spareggio per la categoria 90 kg di MMA, in cui si sarebbero dovuti scontrare Davide Russo e Antonio Saracino, non si è potuto effettuare a causa della indisposizione fisica di Russo.

Galleria di foto (Foto di Chiara Barraco)

La Nazionale Italiana di Grappling che parteciperà al Campionato Europeo sarà la seguente:
Maschile
60 kg Elkjer SHKRETA
65 kg Marcel SASSO DE OLIVEIRA
70 kg Ciro RUOTOLO
75 kg Paolo STRAZZULLO
80 kg Alessandro MASSARI
90 kg Michele VERGINELLI (No-Gi) e Lamberto RAFFI (Gi)
ASSOLUTO: Lamberto RAFFI, Michele VERGINELLI, Paolo STRAZZULLO
Femminile
55 kg Annalisa VILLA
60 kg Julia KLAMMSTEINER
ASSOLUTO: Julia KLAMMSTEINER e Annalisa VILLA

La Nazionale Italiana di MMA che parteciperà al Campionato Europeo sarà la seguente:
Maschile
60 kg Andrè COLAZINGARI
65kg Luca BRUGNOLINI
70 kg Giovanni Maria PINELLI
75 kg Gian Marco GALLI
80 kg Giuliano PENNESE
90 kg Antonio SARACINO

La Federazione ringrazia tutti gli atleti che hanno partecipato all’allenamento collegiale dando un ottimo contributo alla preparazione dei nostri nazionali e Chiara Barraco per l’ottimo servizio fotografico.
Le due Nazionali saranno accompagnate in Ucraina dal Direttore Tecnico Nazionale di MMA Fabio Ciolli e dall’arbitro internazionale Alessandro FEDERICO.
In bocca al lupo ragazzi !

Chi è l'autore

Manolo

Manolo "El ChupaCabra"

Praticante di MMA, agonista di BJJ e grappling, ottimo conoscitore delle arti marziali miste e del valetudo. Manolo "El Chupacabra" non è niente di tutto questo.

18 Commenti

  • Mi interesserebbe sapere dagli allenatori della nazionale perchè Michele Verginelli fa parte della squdra di grappling e non di quella di MMA.
    Inoltre vorrei sapere con quali criteri sono stati selezionati gli atleti della nazionale di MMA.
    Perchè Santi, Binda e Celotto non sono convocati?
    Di solito la nazionale è composta dai migliori italiani.
    Attendo una risposta.
    Grazie

  • Bella domanda Rosko. Non so la risposta ma secondo me siccome si tratta di mma con regolamento non professionistico, ovvero con protezioni, un solo round con formula a torneo ecc….(non son neanche sicuro che si possa fare g ‘n p ma ripeto, non ho letto il regolamento) penso che i sopracitati abbiano rifiutato perchè non si addice a ciò che si allenano per fare ovvero le mma professionistiche.
    Inoltre per quanto riguardo Verginelli vale lo stesso discorso più il fatto che a quanto ho avuto modo di vedere negli ultimi anni lui ama gareggiare nel grappling no-gi. Aggiungo un’altra mia supposizione dicendo che probabilmente Michele, essendo un superesperto, ritiene importante il cross-training in preparazione alle mma il che significa anche fare gare di grappling per migliorare in quel area.

  • Sei stato molto chiaro Giulio Candiloro.
    E’ la nazionale italiana deI tesserati FIGMMA.
    Non è la nazionale italiana delle MMA.

  • Grazie della risposta Giulio.
    A proposito…volevo chiederti se il tuo allievo Ciro Ruotolo combatte ancora nelle MMA. Te lo chiedo perchè è uno dei più forti in Italia ed è da un pò che non sento di suoi match.

  • Ciro non combatte più nelle MMA, è stata una parentesi (molto faticosa ve lo assicuro) adesso si dedica solo al jiu jitsu e al grappling.
    Non so perchè DE Tullio non sia stato convocato, so che c’è stato uno spareggio tra i titolari in carica e i neo campioni nazionali, tant’è che Ciro non avendo partecipato all’ultimo campionato ha dovuto lottare e vincere la meglio su tre contro Mazzeo.
    In merito al discorto nazionale FIGMMA… mi sembra ovvio, chiaro e naturale, è una federazione. I pugili dilettanti sono tutti tesserati FPI!

  • Allora la nazionale italiana di MMA della federazione FIGMMA, non ha nulla a che vedere con l’ altra nazionale italiana che combatterà contro la Lituania.
    Quella di cui ci parlava Giuseppe Boldrini.
    Quindi Verginelli, Binda, Santi o Celotto, non fanno parte di nessuna nazionale italiana perchè non sono tesserati con queste federazioni.
    In poche parole.. La cosa importante non è essere i migliori in Italia nella propria categoria.. ma essere tesserati con qualcuno.
    Ora è tutto più chiaro.
    Grazie

    • Semplicemente essendo il regolamento FILA di MMA un regolamento dilettantistico prevede che non può prendere parte alla gara chi ha più di 4 match da professionista.
      I convocati sono quelli che hanno vinto gli italiani del 2010 e 2011, ovviamente nn essendoci borse in palio molti atleti con meno di 4 match nn sono interessati.

      Ciao

  • ciao Rosko,

    Non credo che ci sia bisogno di attaccare cosi la FIGMMA che sta facendo un buon lavoro per la promozione del grappling in Italia.

    Giulio è stato preciso

    per quel che ne so una squadra per potersi fregiare del titolo “Nazionale Italiana di “sport” deve avere dei requisiti (credo associazione a coni o simili).
    Finche nessuno ha quei requisiti, sono tutte nazionali della rispettiva associazione. Ovvio è che più grande è l’associazione più verosimile sarà la squadra.
    Verginelli, Binda, Santi o Celotto credo non abbiano fatto le selezioni per la nazionale di MMA, e i motivi potrebbero essere quelli esposti da Lorenzo.
    Iron Mike è in nazionale del grappling no gi nonostante sia famoso per le MMA, respect !

  • Nelle MMA amatoriali FILA possono combattere solo atleti con meno di 4 incontri da pro (essendo appunto amatoriali).

    Questo potevate facilmente riscontrarlo leggendo il regolamento internazionale su http://www.fila-wrestling.com.

    In nazionale ci va chi ha vinto il Campionato Italiano e la Coppa Italia (in caso di vincitori diversi si fanno spareggi se non c’è stato un confronto diretto).

    In questo caso per la nazionale di MMA viene portato chi ha vinto lo spareggio tra i vincitori del campionato italiano di Novembre 2010 e quello di Maggio 2011.

  • ma invece di dire scemenze,chiedere con tono stizzito e polemico e sparare sentenze da fighter da tastiera perchè non vi informate prima?
    internet dà voce a chiunque purtroppo…

    …piu allenamenti meno chiacchiere.

  • Salve a tutti,
    sono Fabio Ciolli attuale tecnico della Nazionale FIGMMA di MMA.
    Mi sembrava doveroso intervenire anche se Vito è già stato esaustivo per fare un pò di chairezza e smorzare un pò le polemiche.

    Tutti i membri della Nazionale sono selezionati secondo un unico criterio meritocratico, chi vince il Campionato Italiano e la Coppa Italia accede di diritto al ballottaggio, quindi niente dietrologia per favore, qui si vince sul campo.

    La FILA ha da poco introdotto, giustamente a mio avviso, la regola che esclude automaticamente atleti con più di 4 match da professionisti dal circuito.
    Le doti tecniche di atleti come Verginelli o Santi ecc non sono affatto in discussione, semplicemente la Federazione Internazionale delle Lotte Associate (quella delle Olimpiadi per capirci) ha deciso di dare più spazio agli atleti non ancora affermati così magari da costituire un trampolino di lancio per i futuri Pro.

    Riguardo il tesseramento in FIGMMA ha un costo irrisorio annuo (10€) alla portata di tutti e che serve a coprire le spese di assicurazione e di trasferta per le manifestazioni come il Mondiale o l’Europeo. Anche qui non credo ci sia da commentare.

    Quindi ricapitolando le gare FIGMMA sono aperte a tutti, tranne ad atleti con più di 4 match da Pro, hanno un regolamento del tutto simile a quello dei pro (GnP, ginocchia al viso) ma con la tutela delle protezioni, esattamente quello che avviene nella Boxe Olimpica, in più in Italia sono state introdotte classi intermedie con regolamenti più restrittivi per far avvicinare in maniera più graduale i ragazzi allo sport, chi partecipa alla 2°-3° e 4° serie non ha la possibilità di essere selezionato per la Nazionale, che rimane appannaggio dei 1° serie, ma accumula comunque esperienza.

    Spero di aver fugato ogni dubbio su quella che continua ad essere una delle Federazioni più cristalline con cui sia mai entrato in contatto.
    Buon allenamento a tutti.

    • Crepi, il nostro obiettivo è quello di replicare se non migliorare l’ottimo piazzamento dello scorso Europeo dove arrivammo secondi dopo la corazzata Ukraina e prima dei padroni di casa della Polonia.

      Sì, combatto ancora oltre a formare atleti.

  • Ciao Fabio…se ti ricordi ci siamo incontrati a Tolfa ai campionati Italiani di Combat Grappling … CAMEO: e tu hai pure discusso con la mia ragazza per gli accoppiamenti degli incontri !!!!!
    Un salutone dal Kazakhstan (dove ci si allena e pesta alla grande) e complimenti per le attivitá che stai, e state, portando avanti.

  • Certo che mi ricordo!
    Ahahaha discusso è una parola grossa cercavo di spiegarle che i miei atleti non combattevano l’uno contro l’altro ma decidevano con la monetina il vincitore, purtroppo nella formula a torneo questo è l’unico problema, tant’è che nel fare gli accoppiamenti i ragazzi della stessa squadra vengono messi ai lati opposti del tabellone, voi purtroppo eravate in 5 e facevate il girone all’Italiana.

    In bocca al lupo per tutto!

X