• Grappling-Italia Dal 2008 il primo portale di Brazilian jiu-jitsu, grappling & MMA
  • Per Collaborazioni Sponsorship, Promozione, Job Inquiries

Inserisci la mail per ricevere le notizie del sito.

I judoka Teddy Riner e Rafaela Silva non faranno mai MMA, ma per due ragioni diverse.

Partiamo col francese Teddy Riner che ha smentito le voci secondo cui passerà alle MMA. Parole dure quelle di Riner, che esprime il suo disinteresse per le competizioni all’interno di una gabbia, affermando: “Combattere in una gabbia non mi piace. Non c’è un codice morale nelle MMA. Sono un guerriero sul tatami, ma bisogna sempre rispettare l’avversario“. Ovviamente se scaviamo un attimo capiamo anche cosa intende il francese con rispettare l’avversario. Teddy Riner, 34 anni, ha dominato la classifica degli “atleti più pagati nel 2023” con un reddito stimato di quasi 82 milioni di euro, secondo Mediamass. Riner ha anche un consistente patrimonio netto. Secondo i calcoli, l’imprenditore del judo avrebbe un valore di 245 milioni di euro, tra investimenti in borsa, portfolio immobiliare (sua la catena di ristoranti “Chez l’gros Teddy”), contratti pubblicitari e prodotti. Quindi diciamo che sarebbe un pazzo cambiare. La brasiliana Rafaela Silva non la vedremo nelle MMA per altre ragioni più pragmatiche. La pratica delle MMA non fa per lei. Nonostante il fascino delle arti marziali miste, la Silva ha deciso di non seguire le orme della sua collega judoka, Ronda Rousey che delle MMA femminili UFC è stata l’apripista . Durante una sospensione di due anni dal judo per l’uso di fenoterolo, un trattamento per l’asma, Silva ha pensato molto seriamente di entrare nel regno delle arti marziali miste. Pur dichiarandosi innocente, la Silva non ha potuto gareggiare nell judo tra il 2019 e il 2021. Questo le ha “Le MMA non fanno per me“, ha dichiarato la Silva al podcast in lingua portoghese Trocação Franca. “Non posso. Non fa per me. Sono stato preso a calci in faccia, a calci sulla gamba e non ho potuto mettere il piede a terra per tre o quattro giorni. È molto dura”. “Ho un background di judo che è totalmente diverso da quello delle MMA, quindi mi ha incasinato parecchio la testa. Ho dovuto adattare molte cose. È stata un’esperienza molto difficile ma straordinaria per me, perché è arrivata in un momento in cui non potevo allenare il judo, quindi mi sono concessa il lusso e il privilegio di allenare un altro sport“. Nel corso della sua avventura nelle MMA, Silva ha scoperto che, anche da campionessa olimpica, aveva ancora molto da imparare sugli sport da combattimento. Cercando indicazioni e consigli, ha accolto con umiltà l’opportunità di migliorare le sue conoscenze, che alla fine le sono servite per tornare al judo. La sua perseveranza ha dato i suoi frutti, trionfando al primo torneo dopo la sospensione e conquistando il suo secondo titolo mondiale. “Credo che mi abbia aiutato molto perché chiedevo sempre aiuto, consigli, [e mi ha aiutato] nel mio ritorno al judo“, ha detto Silva. “Mi sono allenata in diversi posti e ho sempre cercato di imparare qualcosa qui, qualcosa nel wrestling, nell’area delle prese. Ho sempre avuto difficoltà a terra. Allo stesso tempo, stavo provando le MMA, portando tutto quello che potevo nel judo. Anche dopo tanti anni di allenamento nel judo, questo periodo di allenamento nelle MMA mi ha aiutato molto, ha reso il mio spirito più forte come atleta”. Silva ha recentemente vinto il Grande Slam di Turchia. Nel frattempo Riner è appena tornato campione del mondo.

Manolo "El ChupaCabra"

Manolo "El ChupaCabra"

Praticante di MMA, agonista di BJJ e grappling, ottimo conoscitore delle arti marziali miste e del valetudo. Manolo "El Chupacabra" non è niente di tutto questo.

Articoli: 6365

Stay informed and not overwhelmed, subscribe now!