SMASHPASSorizzontalepiccola
Judo

Grandiosa la “piccola” Italia ai Campionati Mondiali Cadetti di judo 2022

Grandiosa la
Scritto da Giada Chioso

Dal 24 al 28 luglio in Bosnia Erzegovina, a Sarajevo, ci sono stati i Campionati Mondiali Cadetti di judo.
Nei primi quattro giorni sono dedicati alle competizioni individuali mentre nell’ultimo giorno c’è stata la gara a squadre miste.

L’Italia U18 nelle gare individuali

L’Italia ha partecipato alla gara individuale dal 24 al 27 luglio con: Rebecca Valeriani (-44 kg), Ilaria Finestrone e Alessandra Rocco (-48 kg), Gaia Massimetti e Michela Terranova (-52 kg), Savita Russo e Gaia Stella (-57 kg), Serena Maddaloni (-63 kg), Serena Ondei (-70 kg), Morgana De Paoli (+70), Emiliano Lattanzi (-50 kg), Davide Erricchiello e Alberto Tripepi (-55 kg), Francesco Sampino (-60 kg), Federico Bosis e Federico Ninfo (-66 kg), Danilo Articolo e Lucio Tavoletta (-73 kg), Tommaso Perfetti e Francesco Sansonetti (-81 kg).

L’Italia ha conquistato: una medaglia d’oro con Gaia Massimetti (-52 kg), una medaglia d’argento con Serena Ondei (-70 kg), tre medaglie di bronzo con Rebecca Valeriani (-44 kg), Savita Russo (-57 kg) e Federico Bosis (-66 kg), due quinti posti con Ilaria Finestrone (-48 kg) e Michela Terranova (-52 kg) e un settimo posto con Francesco Sansonetti (-81 kg).

Gaia Massimetti (-52 kg) ha saltato il primo turno e poi ha vinto tutti gli incontri fino ad arrivare fino in fondo, rispettivamente contro Ariunzaya Terbish (Mgl), Nicole Cancela (Usa) e Yi-Hsi Shen (Tpe), poi medaglia di bronzo. In finale ha vinto brillantemente contro Sugdiyona Rafkatova (Uzb), laureandosi campionessa mondiale con una meritatissima medaglia d’oro al collo. Questa giovane atleta ha fatto suonare così l’inno d’Italia in Bosnia, in questo Campionato Mondiale.

Serena Ondei (-70 kg) ha passato il turno e ha vinto tutti gli incontri  rispettivamente con Kiera Burt (Can), Teophila Darbes-Takam (Fra) e Azhar Askhat (Kaz) fino a disputare la finale per il titolo mondiale contro Barchinoy Kodirova (Uzb). Purtroppo in 9 secondi è andata sotto di un waza-ari per il contraccolpo dell’avversaria su “ko-ouchi gari” e dopo poco più di un minuto l’atleta uzbeca ha fatto ippon di “tsuri-komi-goshi”. Serena Ondei è diventata così vicecampionessa mondiale, portando a casa un’importantissima medaglia d’argento.

Rebecca Valeriani (-44 kg) ha vinto il primo incontro con Valeria Toribio Montero (Esp) e i quarti di finale contro Marketa Korcakova (Cze), ma ha perso la semifinale contro Vera Wandel (Ned), laureata poi campionessa mondiale, ma nella finale per il bronzo ha vinto contro Marta Beorlegui Oses (Esp) conquistando così un posto molto importante sul podio.

Savita Russo (-57 kg) ha passato il turno e ha vinto contro Galini Sirinidou (Gre), Snezhana Gramatikova (Bul) e ai quarti di finale contro Dana Abdirova (Kaz) mentre ha perso la semifinale contro Bianca Reis (Bra), poi medaglia d’argento che aveva già sconfitto la compagna di nazionale e di categoria Gaia Stella, per rifarsi in finale per il bronzo ai danni di Julia Bulanda (Pol), conquistando così un posto sul podio.

Federico Bosis (-66 kg) ha saltato il primo turno e ha vinto contro Pavle Petrovic (Srb) e Anthony Farnot (Usa), prima di perdere ai quarti di finale contro Saba Samadashvili (Geo), poi diventato campione mondiale della categoria, mentre ai ripescaggi ha vinto contro Kohsei Toyoshima (Aus) e nella finale per il bronzo ha vinto contro Nijat Naghiyev (Aze) con un bellissimo e velocissimo kata-guruma, salendo così meritatamente sul podio.

Ilaria Finestrone (-48 kg) ha saltato il primo turno e poi ha vinto fino ai quarti di finale rispettivamente contro Anastasiia Levchenko (Ukr), Zeinab Safa (Egy) e Aydan Valiyeva (Aze), poi medaglia di bronzo, ma in semifinale ha perso contro Kano Miyaki (Jpn), poi diventata campionessa mondiale, nella finale per il bronzo purtroppo ha perso contro Nandin-Erdene Myagmarsuren (Mgl), pur gareggiando bene, classificandosi così al quinto posto.

Michela Terranova (-52 kg) ha saltato il primo turno, ha vinto contro Vanessa Tolea (Rou) ma ha perso i quarti di finale contro Yi-Hsi Shen (Tpe), si è rifatta ai ripescaggi vincendo contro Nicole Cancela (Usa) ma nella finale per il bronzo ha perso al golden score contro Anna Tieliegina (Ukr), classificandosi al quinto posto.

Francesco Sansonetti (-81 kg) ha passato il turno e ha vinto contro Mate Chapurishvili (Geo) e Ronald Proell (Aut) ma ha perso sia ai quarti di finale contro Igor Tsurkan (Ukr), poi medaglia di bronzo, che ai ripescaggi contro Panagiotis Kyvelidis (Gre), classificandosi così al settimo posto.

 

Ha perso al terzo incontro Gaia Stella (-57 kg), Serena Maddaloni (-63 kg) e Federico Ninfo (-66 kg).

Gaia Stella (-57 kg) è passata direttamente al secondo incontro che ha vinto contro Danielle Pekler (Usa) ma ha perso l’incontro successivo con Bianca Reis (Bra), poi diventata vicecampionessa mondiale della categoria.

Serena Maddaloni (-63 kg) ha passato il primo turno e ha vinto contro Marissa Finka (Aus), perdendo poi il terzo turno contro Euna Koh (Kor).

Federico Ninfo (-66 kg) ha passato il primo turno, poi ha vinto dopo oltre 9 minuti di golden score contro Rodrigo Janeiro (Por) ma ha perso poi, dopo un golden score di 8 minuti, contro Alexis Renard (Fra).

 

Hanno perso al secondo incontro: Alessandra Rocco (-48 kg), Morgana De Paoli (+70), Emiliano Lattanzi (-50 kg), Davide Erricchiello e Alberto Tripepi (entrambi -55 kg), Danilo Articolo e Lucio Tavoletta (entrambi -73 kg) e Tommaso Perfetti (-81 kg).

Alessandra Rocco (-48 kg) ha passato il primo turno mentre ha perso il turno successivo contro Luca Veg (Hun).

Morgana De Paoli (+70) ha vinto contro Marianna Karas (Can) ma ha perso dopo contro Nigar Suleymanova (Aze).

Emiliano Lattanzi (-50 kg) ha saltato il primo turno ma ha perso il secondo contro Mahammad Mamishov (Aze).

Davide Erricchiello (-55 kg) ha vinto contro Nikola Radivojevic (Bih) mentre ha perso contro Oleksandr Martunchuk (Ukr)

Stessa sorte per il compagno di nazionale e di categoria Alberto Tripepi (-55 kg), che ha vinto contro Alexander Marlov (Swe) perdendo però poi contro Saba Sabashvili (Geo), medaglia di bronzo a fine giornata.

Danilo Articolo (-73 kg) ha passato il turno ma ha perso il turno successivo contro Kay Wallace (Usa).

Stessa sorte per il compagno di nazionale e di categoria, Lucio Tavoletta (-73 kg), che ha saltato il primo turno perdendo però poi contro Antonio Medeiros Neto (Bra).

Tommaso Perfetti (-81 kg) ha saltato il turno ma ha perso contro Dusan Grahovac (Srb), poi medaglia di bronzo.

 

Ha perso al primo turno Francesco Sampino (-60 kg) contro Matija Jeremic (Srb).

 

Classifica

Classifica femminile

-40 kg

  1. Anastasiia Superson (Ukr),
  2. Begumnaz Dogruyol (Tur),
  3. Patricia Tamnkov (Svk) e Zilan Ertem (Tur)

-44 kg

  1. Vera Wandel (Ned),
  2. Zeyneo Betul Sarikaya (Tur),
  3. Umidakhon Burkhonjova (Uzb) e Rebecca Valeriani (Ita)

-48 kg

  1. Kano Miyaki (Jpn),
  2. Tara Babulfath (Swe),
  3. Nandin-Erdene Myagmarsuren (Mgl) e Aydan Valiyeva (Aze)  

-52 kg

  1. Gaia Massimetti (Ita),
  2. Sugdiyona Rafkatova (Uzb),
  3. Anna Tieliegina (Ukr) e Yi-Hsi Shen (Tpe)

-57 kg

  1. Linthoi Chanambam (Ind),
  2. Bianca Reis (Bra),
  3. Anna Gulite (Lat) e Savita Russo (Ita)

-63 kg

  1. Sinem Oruc (Tur),
  2. Franziska Schloegl (Aut),
  3. Khurshida Razzokberdieva (Uzb) e Lenka Tomankova (Svk)

-70 kg

  1. Barchinoy Kodirova (Uzb),
  2. Serena Ondei (Ita),
  3. Ingrid Nilsson (Swe) e Lila Mazzarino (Fra)

+70 kg

  1. Grace-Esther Mienandi Lahou (Fra),
  2. Celia Cancan (Fra),
  3. Mika Nakano (Jpn) e Nyam-Erdene Batsuuri (Mgl)

Classifica maschile

-50 kg

  1. Yahn Motoly Bongambe (Fra),
  2. Sebestyen Kollar (Hun),
  3. David Leiva (Usa) e Dias Zholdybayev (Kaz)

-55 kg

  1. Zacharie Dijol (Fra),
  2. Shahin Orujzade (Aze),
  3. Saba Sabashvili (Geo) e Daviti Lomitashvili (Geo)

-60 kg

  1. Davit Kareli (Geo),
  2. Kelvin Ray (Fra),
  3. Nizami Imranov (Aze) e Talgat Orynbassar (Kaz)

-66 kg

  1. Saba Samadashvili (Geo),
  2. Shohjakhon Otaboev (Uzb),
  3. Dimitrios Giannopoulos (Gre) e Federico Bosis (Ita)

-73 kg

  1. Keito Kihara (Jpn),
  2. Luka Javakhishvili (Geo),
  3. Giorgi Mishvelidze (Geo) e Samariddin Muxibiddinov (Uzb)

-81 kg

  1. Gor Karapetyan (Arm),
  2. Alisher Samanov (Uzb),
  3. Dusan Grahovac (Srb) e Igor Tsurkan (Ukr)

-90 kg

  1. Peter Kenderesi (Hun),
  2. Abbos Shermakhmatova (Uzb),
  3. Oleksii Boldyriev (Ukr) e Milan Bulaja (Srb)

+90 kg

  1. John Jr Messe A Bessong (Can),
  2. Gabriel Santos (Bra),
  3. Dota Arai (Jpn) e Bogdan Petre (Rou)

Classifica delle nazioni

  1. Francia (3-2-1-5-2),
  2. Georgia (2-1-3-0-0),
  3. Giappone (2-0-2-0-0)

L’Italia si è classificata 6^ (1-1-3-2-1) su 60 nazioni.

 

Gara a squadre miste

In questa competizione a squadre miste l’Italia non ha partecipato ma ci sono state 14 nazioni: Azerbaijan, Bosnia Erzegovina, Brasile, Canada, Egitto, Francia, Georgia, Grecia, Kazakistan, Mongolia, Tunisia, Turchia, Ucraina e Uzbekistan.
Le categorie interessate sono state: quelle femminili -48 kg; -63 kg; +63 kg, mentre quelle maschili -60 kg; -81 kg; +81 kg.

Classifica

  1. Francia,
  2. Azerbaijan,
  3. Uzbekistan e Turchia

 

Per maggiori informazioni potete visitare i seguenti links: dal sito della International Judo Federation, IJF, https://www.ijf.org/competition/2300 e della federazione europea, EJU, https://www.eju.net/event/sarajevo-world-cadets-championships-2022/224036/

 

Ringrazio l’International Judo Federation, IJF, per la foto della vittoria nella finale della categoria femminile cadetta -52 kg della nuova campionessa mondiale Gaia Massimetti (Ita) contro l’avversaria Sugdiyona Rafkatova (Uzb), poi medaglia d’argento.

SMASHPASSrettangolareCTA

Chi è l'autore

Giada Chioso

Atleta agonista di judo, grappling (-gi e no-gi) con partecipazioni a gare internazionali anche di sambo, kurash e sumo. Insegnante tecnico di judo FIJLKAM. Laureata in scienze motorie e alla magistrale in scienze e tecniche delle attività motorie preventive e adattate con esperienza nella rieducazione motoria.