SMASHPASSorizzontalepiccola
Brazilian Jiu-Jitsu Fanta MMA Judo MMA Girls

Week-end ricco tra bjj, mma e judo

Week-end ricco tra bjj, mma e judo 1
Scritto da Giada Chioso

Questo week-end è stato ricco di gare di brazilian jiu jitsu, mma e judo.

Bjj e mma

Al PalaTorrino di Roma FIGMMA, la Federazione Italiana di Grappling e di Mix Martial Arts, ha organizzato sabato 16 ottobre il Campionato Italiano di brazilian jiu jitsu e domenica 17 il Campionato Italiano di mma.
C’è stato un alto numero di partecipanti e attraverso l’uso della piattaforma Smoothcomp gli atleti potevano vedere in tempo reale l’andamento della competizione, sapendo esattamente l’orario preciso dei loro incontri.

Bjj

Per il bjj ci sono stati 8 tatami e le categorie partivano dai “kids” di 4 e 5 anni fino ad arrivare ai veterani, divisi per cintura e per peso. Inoltre ci sono stati anche gli open per ogni colore di cintura dove potevano accedere solo gli atleti arrivati primi nella loro categoria, tranne le cinture nere che potevano partecipare a prescindere.

I nuovi campioni nazionali FIGMMA di bjj sono:

categorie femminili cinture nere

  • -54,4 kg Serena Gabrielli (Flow)
  • -74,8 kg Rita Tana (Waza Arenzano)

categorie maschili cinture nere

  • -64 kg Simone Auricchio (Lottatori Milano)
  • -70 kg Marco Gavino (Matside Jiu Jitsu)
  • -76 kg Rafael Torres Henrique (Rilion Gracie Italia)
  • -82,1 kg Maicol Benetti (Matside Jiu Jitsu)
  • -88,2 kg Ganbagana Mendbayar (Fn Fight.co Europa)
  • -94,1 kg Viking Wai Chun Wong (Inglorious Grapplers – Hong Kong)
  • +100,2 kg Niccolò Bartolazzi (Flow)

Le prime tre società sono state:

  1. Matside Jiu Jitsu (1694 punti)
  2. Flow (844 punti)
  3. Waza Arenzano (671 punti)

Per vedere tutte le classifiche visitare https://figmma.smoothcomp.com/it/event/3675/results

 

Mma

Mentre per quanto riguarda mma c’erano 2 gabbie e 4 tatami. Le categorie partivano dai “novizi”, di 12 e 13 anni, ai veterani, divisi come per il bjj per cintura e peso.

I nuovi campioni nazionali FIGMMA di mma sono:

categorie femminili

  • -52 kg Martina Corradi (D. F. Team asd)
  • -57 kg Giulia Volpe (Ishi-Ryoku)
  • -61 kg Melanie Corbatto (Aurora Mma)

Categorie maschili

  • -57 kg Cristiano Ottaviani (Ishi-Ryoku)
  • -61 kg Fidel Gramiccia (Furor Belli Roma)
  • -66 kg Marco Sterpetti (Spazioforma Biella)
  • -70 kg Luca Borando (Cardano Top Team)
  • -77 kg Jimi Tchintcharauli (Wolf Temple – Georgia)
  • -84 kg Khadim Dia (Aurora Mma)
  • -93 kg Andrea Di Francesco (D. F. Team asd)
  • -120 kg Mamadou Lamine Badji (Aurora Mma – Senegal)
  • +120 kg Christian Concetti (Aurora Mma)

Le prime tre società sono state:

  1. Aurora Mma (1530 punti)
  2. Ishi-Ryoku (1032 punti)
  3. Wolf Temple (670 punti)

Per vedere tutte le classifiche visitare https://figmma.smoothcomp.com/it/event/3695/results

Judo

Per quanto riguarda judo ci sono stati due appuntamenti, il Grand Slam di Parigi, la competizione internazionale più prestigiosa che ha un’atmosfera particolare, e la European Cup Senior a Dubrovnik, in Croazia.

A Parigi l’Italia ha schierato solo due alteti: Susanna Scutto (-48 kg), campionessa mondiale junior da due settimane e attuale medaglia di bronzo ai Campionati Europei Giovanili, e Angelo Pantano (-60 kg), medaglia d’argento al Grand Prix di Zagabria tre settimane fa. Per entrambi gli atleti si trattava della loro prima partecipazione a questo grande appuntamento.
Scutto, nonostante una pool non facile, è riuscita ad arrivare settima, risultato di tutto rispetto, considerando sia la giovane età che la netta superiorità fisica delle avversarie.
Pantano purtroppo si è trovato al primo turno di fronte il forte giapponese Genki Koga, molto forte nel ne-waza (parte di judo a terra). L’atleta azzurro si è dovuto arrendere proprio nel ne-waza, che è il suo tallone d’Achille.

Mentre a Dubrovnik l’Italia era presente con 29 atleti: Stefano Monticone, Mario Petrosino, Andrej Ferro, Rocco Terranova, Diego Rea (-60 kg), Leonardo Valeriani (-66kg), Andrea Spicuglia, Gabriele Sulli, Davide Nuzzo, Davide Ripandelli (-73 kg), Luigi Pippa, Tiziano Falcone, Emanuele Bruno (-81 kg), Matteo Rovegno (-90 kg), Kevyn Perna (-100 kf), Lorenzo Turini (+100 kg), Sofia Petitto (-48 kg), Eleonora Crescini (-52 kg), Chiara Zuccaro, Silvia Pellitteri, Tea Patri, Francesca Ripandelli (-57 kg), Cristina Piccin, Agnese Zucco, Beatrice Ranzato, Flavia Favorini, Chiara Cacchione (-63 kg), Raffaella Lelia Ciano (-70 kg), Eleonora Ghetti (+78).
L’Italia ha conquistato con Sofia Petitto (-48 kg) e Mario Petrosino (-60 kg) , l’argento di Gabriele Sulli (-73 kg), il bronzo di Stefano Monticone (-60 kg), due quinti posti con Eleonora Ghetti (+78 kg) e Lorenzo Turini (+100 kg) e del settimo posto di Matteo Rovegno (-90 kg) .

Ringrazio per la foto la FIJLKAM (Federazione Italiana di Judo Lotta Karate e Arti Marziali), dove ci sono gli italiani medagliati alla European Cup Senior a Dubrovnik.

SMASHPASSrettangolareCTA

Chi è l'autore

Giada Chioso

Atleta agonista di judo, grappling (-gi e no-gi) con partecipazioni a gare internazionali anche di sambo, kurash e sumo. Insegnante tecnico di judo FIJLKAM. Laureata in scienze motorie e alla magistrale in scienze e tecniche delle attività motorie preventive e adattate con esperienza nella rieducazione motoria.