Brazilian Jiu-Jitsu Impara

John Danaher e la scoperta della D’Arce Choke

John Danaher e la scoperta della D’Arce Choke 1

John Danaher racconta la storia dell’invenzione della D’Arce Choke: come sappiamo l’origine delle tecniche generiche come questa è spesso piuttosto difficile da determinare.

BJJ, Judo, Wrestling e Sambo sono tutti cugini (grappling :-) l’uomo lotta da migliaia di anni… e di conseguenza, le mosse sono spesso chiamate in base alla persona che le ha rese popolari anziché alle prime ad averle mai usate davvero… Questo non è il primo caso e non sarà nemmeno l’ultimo.

La D’Arce choke  (Brabo choke come viene chiamata in Brasile), è una finalizzazione di braccia ed è a prima vista simile alla Anaconda choke, anche se il braccio che va profondo è diverso.

Spesso vengono spiegate comulativamente come “in-arms choke”

La D’Arce choke prende il nome da Joe D’Arce, una cintura nera brasiliana di terzo grado Jiu-Jitsu sotto Renzo Gracie. Sebbene non sia l’inventore della mossa, D’Arce ha eseguito questa choke spesso e con grande successo in molti tornei Jiu-Jitsu e lotta. Durante una sessione di sparring con Jason Miller, la mossa ha sorpreso Miller, che gli ha dato il nome e la pronuncia “Darce” piuttosto che la più corretta “D-Arsee”, quando D’Arce non aveva un nome per la tecnica. Un’altra persona famosa per la sua Brabo choke è Milton Vieira, una cintura nera BJJ e Luta Livre.

Recentemente John Danaher ha condiviso una storia su facebook unica sostenendo di aver inventato lui la Inverted Kata Gatame strangle.

Il post è un’enorme ringraziamento a Renzo Gracie, ma tra le righe si possono leggere anche altre cose

“Riflessioni sul mio sensei: una parte enorme della nostra esperienza nella vita è modellata dai nostri insegnanti. Tutti abbiamo dimenticato la maggior parte delle nostre esperienze scolastiche durante l’infanzia, ma ricordiamo quasi tutti i nostri insegnanti.

Anche nel nostro viaggio nelle arti marziali. Il nostro sensei ha probabilmente la più grande influenza sulle direzioni che seguiamo nello sport.
Ogni volta che un gruppo di grapplers si riunisce e inizia a parlare, non ci vuole molto prima che la discussione passi ai nostri sensei.

Come la maggior parte delle persone, il destino mi ha dato benedizioni e maledizioni nel corso della mia vita, ma un’area in cui sono stato costantemente fortunato è nelle persone che sono diventate i miei insegnanti, sia accademici che di arti marziali. Sebbene i miei scritti riguardino principalmente nuove direzioni nella lotta, sarebbero seriamente remissivi se non includessero storie del mio sensei, Renzo Gracie, che mi ha preso come una cintura bianca con una gamba paralizzata a New York City a metà degli anni ’90 e mi ha guidato nel mio viaggio attraverso lo sport.

Credo che sia impossibile per un solo uomo fornire un’istruzione completa in qualsiasi area. Pertanto credo che tutti dovrebbero avere dei sensei ausiliari che forniscono punti di vista alternativi e nuove direzioni; ma credo anche che sia importante trovare un sensei principale che fornisca la stragrande maggioranza delle tue prospettive e ti dia unità di direzione. Sono stato abbastanza fortunato da trovare il mio al primo tentativo, ma sospetto che non sia così per la maggior parte delle persone.

Le lezioni di vent’anni di allenamento e insegnamento nella palestra di Renzo Gracie non saranno riassunte in un post di Facebook, quindi tornerò su questo argomento in molte occasioni. Ogni volta che cercherò di mettere in relazione una lezione o un’idea che mi ha dato che ti passerò nella speranza che possa migliorare la tua esperienza nello sport come la mia.

Inizierò con la domanda che mi ha posto una volta uno studente: qual è stata la più grande influenza che il signor Gracie ha avuto sulla tua direzione nel jiu jitsu? La mia risposta è stata questa: Mr Gracie ha creato una scuola che è stata gestita in linea con tre temi di fondamentale importanza.

  • Innanzitutto, RISULTATI SOPRA LA TRADIZIONE.
  • In secondo luogo, LIBERALITÀ IN DIREZIONE.
  • Terzo, LA FELICITÀ DEVE ESSERE COLLEGATA A JIU JITSU E JIU JITSU ALLA FELICITÀ.

Diamo un’occhiata a ciascuno.
La preoccupazione principale di Renzo era sempre l’efficacia del combattimento. Si è concentrato su questo come un laser e non ha lasciato che nulla si frapponesse. Se qualcosa funzionava, è veniva adottata. Non importava da dove venisse. Non appena si trovava una nuova idea promettente, veniva sottoposta a rigorosi test di combattimento. Se passava, veniva adottata.

Ricordo la notte in cui ho inventato la Inverted Kata Gatame strangle (in seguito intitolato a uno dei miei studenti Joe D’Arce come D’arce choke). Due settimane prima avevo ottenuto la mia cintura blu e mi sono avvicinato nervosamente a Renzo con il mio compagno di allenamento e amico, Shawn Williams e ho chiesto a Renzo se pensava che valesse la pena esaminarla. Renzo era appena tornato trionfante da un altro combattimento in Giappone ed era in cima al mondo delle arti marziali. Sarebbe stato così facile ignorare le idee di una cintura blu – ma non lo fece. Chiese di vederla, poi di sentirla, poi la fece. Nello sparring quella sera entrambi mettemmo al tappeto i compagni di allenamento (nessuno sapeva cosa fosse e non c’era difesa in quei tempi). La sera successiva l’ha insegnata in classe allo stesso modo delle tecniche consolidate e tradizionali di questo sport.

Renzo era estremamente liberale come nostro insegnante. Puoi vedere le prove nei suoi studenti senior. Se guardi i migliori studenti di Renzo vedrai che hanno un gioco e un approccio molto diversi allo sport. Renzo chiedeva solo efficacia, che ha lasciato un’enorme libertà a tutti noi per trovare un gioco che funzionasse per noi.

Molte volte ho persone che dicono che alcuni approcci al gioco non sono ammessi o incoraggiati nella loro scuola. Quando ho detto a Renzo che ero interessato a sviluppare un sistema di blocco delle gambe (negli anni ’90, quando i blocchi delle gambe erano visti come strumenti di codardi e idioti), ha semplicemente detto: “Bene, fammi sapere cosa ti viene in mente!”
Il terzo aspetto è uno che viene menzionato raramente, ma ora che sono cresciuto,
sono arrivato a pensare che sia forse il più importante. Renzo ha reso l’allenamento una fonte di felicità. Così spesso veniamo catturati da risultati, desideri, obiettivi e perfezionismo che perdiamo la traccia della più grande richiesta di tutti: che il nostro viaggio sia felice e appagante.
Se l’allenamento non è una gioia, semplicemente non resisterai attraverso le difficoltà, la fatica e gli anni. Come può testimoniare chiunque lo abbia incontrato, Renzo può illuminare una stanza in un istante e far sentire tutti a proprio agio e desiderati, anche nella città di New York.
Ogni settimana vedo numerosi studenti venire all’accademia quando non riescono ad allenarsi, solo per rilassarsi e far parte di qualcosa che li rende felici. Per quanto io parli di migliorare le prestazioni sportive nei miei scritti, questo deve essere inserito nel contesto di una vita felice e appagante, altrimenti lo studente più disciplinato alla fine troverà qualcos’altro da fare.
Nessun uomo e nessuna scuola sono perfetti, ma basare il suo approccio su questi tre temi ha reso Renzo Gracie uno degli insegnanti di arti marziali più influenti e di successo della sua generazione e sarò sempre grato di essere stato un loro prodotto.”

Reflections on my sensei: A massive part of our experience in life is shaped by our teachers. We have all forgotten most…

Gepostet von John Danaher am Mittwoch, 5. Oktober 2016

Chi è l'autore

Manolo

Manolo "El ChupaCabra"

Praticante di MMA, agonista di BJJ e grappling, ottimo conoscitore delle arti marziali miste e del valetudo. Manolo "El Chupacabra" non è niente di tutto questo.

X