Storia Brazilian Jiu-Jitsu

Il grande scisma del BJJ: lo split dell’Alliance del 2002

Il grande scisma del BJJ: lo split dell’Alliance del 2002 1
Jack Botinha
Scritto da Jack Botinha

Riavvolgiamo il nastro del Jiu Jitsu e arriviamo al 2002.

L’Alliance, team fondato da Fabio Gurgel, Romero Cavalcanti e Alexandre Paiva, è uno dei team più forti e dominanti del mondo. Tra le sue fila figurano campioni del mondo passati, presenti e futuri.

Cosa accade all’inizio del nuovo millennio? Nasce una nuova federazione, la CBJJO, che decide di entrare in competizione con la ben più nota IBJJF (International Brazilian Jiu Jitsu Federation) attiva già da anni.
La CBJJO diventa subito molto appetibile per gli atleti dello sport: la neonata federazione garantisce premi in denaro nelle proprie competizioni, a tutti i livelli di cintura.

Il caos comincia a Maggio 2002: Demian Maia, Fernando Tererè e Eduardo Telles decidono di competere ad una gara della CBJJO anzichè al Brazilian Team Nationals della IBJJF come ordinato dal loro maestro Fabio Gurgel, “amico” della IBJJF.
L’insegnante decide allora di sospendere per tre mesi i tre atleti per il loro comportamento.

Il tempo passa e la situazione precipita: CBJJO e IBJJF arrivano al culmine della guerra, arrivando ad organizzare i loro due eventi più importanti (Copa Do Mundo e Mundial) nello stesso identico weekend. L’Alliance decide che i suoi atleti parteciperanno al Mundial.

Accade l’imprevisto: in qualche modo la CBJJO riesce ad anticipare la Copa Do Mundo e immediatamente Demian Maia si iscrive al torneo in modo da gareggiare ad entrambe le competizioni. I vertici dell’Alliance lo scoprono e depennano Maia dalla lista di atleti del Mundial, impedendogli dunque di partecipare all’evento principe della IBJJF e causando una vera rivolta da parte dei veterani dell’Alliance nei confronti di Gurgel.

L’altro leader dell’Alliance, Romero Cavalcanti, decide di non prendere la parte di Fabio e nemmeno quella dei “rivoltosi”. A questo punto, sconvolti da questo atteggiamento, moltissimi atleti di punta abbandonano il team lasciando l’Alliance praticamente senza cinture nere di livello mondiale.

Da questo grande scisma nasceranno nuovi team che diventeranno protagonisti del Jiu Jitsu di oggi come Atos, Brasa, Checkmat, Zenith BJJ e molti altri.
L’ Alliance invece, dopo un periodo buio, riemergerà plasmando nuovi eccezionali talenti e diventando di nuovo uno dei team più potenti nel Jiu Jitsu Brasiliano agonistico.

Il grande scisma del BJJ: lo split dell’Alliance del 2002 2

Foto di Graciemag.

Chi è l'autore

Jack Botinha

Jack Botinha

Rocker, cintura blu di BJJ, a volte anche persona normale.

1 Commento

X