MMA USA News & Media

INVICTA FC 9: Risultati e Commenti

INVICTA FC 9: Risultati e Commenti 1
Watcher
Scritto da Watcher

9779_564386453694372_7110676420491577566_n

 

INVICTA FC 9 è passato e di certo non lascerà il segno nella storia delle MMA, anzi, è stato con ogni probabilità l’evento meno significativo dei nove proposti dall’Invicta. Non sono però mancati momenti di interesse.

INVICTA FC 9 MAIN CARD:

 

Kelly McGill vince su Maegan Goodwin via unanimous decision (30-27, 29-28, 29-28)
Chissà come reagirebbe il pubblico FOX davanti ad una ragazzina ricoperta di sangue?

Jamie Moyle vince su Jenny Liou via unanimous decision (30-27, 30-27, 30-27)

Andrea K. Lee vince su Shannon Sinn via unanimous decision (30-27, 30-27, 30-27)
Uno dei picchi di interesse della serata. Andrea KGB Lee è sicuramente un’atleta da tenere d’occhio, sopratutto perché nella 125lbs di nuovi talenti ce ne è davvero bisogno.

Amanda Bell vince su Maria Hougaard Djursaa via TKO (punches) – Round 1, 4:56

Amber Brown vince su Liz McCarthy via split decision (29-28, 28-29, 30-27)

Jodie Esquibel vince su Nicdali Rivera-Calanoc via unanimous decision (30-27, 30-27, 30-27)
La Esquibel dopo la bella prova ad Invicta 8 si ripete mostrandosi sicura ed in controllo per 15 minuti. Dall’altra parte però una Rivera (grandissima amica di Miesha Tate) assolutamente spenta che addirittura annuncia il ritiro via twitter a fine match.

Raquel Pa’aluhi vince su Kaitlin Young via unanimous decision (29-28, 29-28, 29-28)

Karolina Kowalkiewicz vince su Mizuki Inoue via split decision (28-29, 29-28, 29-28)
Era atteso come il match di serata e così è stato. Tre round divertentissimi di striking tecnico e mai banale, clinch e anche dei brevi ma interessanti momenti di grappling. La difesa di Inoue si conferma una bellezza da vedere (Schiavello ha addirittura azzardato il paragone con l’head movement di Tyson) ma paga l’eccessiva passività e la mancanza di peso/forza  La Kowalkiewicz conferma quanto di bello aveva fatto vedere in Europa e si proprone come prospetto numero uno tra le non-TUF.
Il risultato più giusto sarebbe stato il pareggio a mio avviso, ed è significativo il fatto che alla campana la polacca fosse collassata al suolo con il ghiaccio sul petto mentre la giapponesse chiaccherasse sorridendo con il suo angolo. Ma tant’è, sentiremo comunque parlare ancora di entrambe.

Barb Honchak vince su Takayo Hashi via unanimous decision (49-46, 50-45 x2)
Main Event francamente inguardabile. La Honchak combatteva davanti al suo pubblico ed era chiaramente favorita, ci si aspettava qualche round di dominio come la Waterson in Invicta 8 e niente di più. Al contrario abbiamo assistito a 25 minuti di brutale Wall And Stall tanto da far sembrare Davis Vs Texeira un candidato per il fight of the year. In questi casi perdono tutti, anche chi mantiene la cintura. Secondo main event di fila toppato alla grande per Invicta.

Chi è l'autore

Watcher

Watcher

Nostalgico per natura, rimpiange l'egemonia giapponese, il PRIDE e quasi tutto quello che non c'è più. Forse anche per questo si innamora delle WMMA dove ritiene di trovare barlumi di ciò che lo ha attratto alla controparte maschile.

X