Milano Challenge BJJ 2010

Non avere la più pallida idea di cosa facessi li fu il mio primo pensiero. In compagnia della mia compagna Pamela e dei ragazzi dell’Indomita di San Remo trepidavo nell’attesa, salire su quel tappeto e lottare con quel “pigiama” ultimamente così appr…

Non avere la più pallida idea di cosa facessi li fu il mio primo pensiero. In compagnia della mia compagna Pamela e dei ragazzi dell’Indomita di San Remo trepidavo nell’attesa, salire su quel tappeto e lottare con quel “pigiama” ultimamente così apprezzato mi riempiva di interesse e curiosità. E’ Federico Tisi ad arbitrare e subito nota la mia completa ignoranza del regolamento richiamandomi scherzosamente un paio di volte nella fase subito prima la lotta. Iniziamo e il primo scontro è molto rapido, il mio avversario subito dopo una reciproca quanto meno involontaria testata “dimentica” un braccio e la cosa gli risulta fatale, arm bar, e tutto finisce. Ancora frastornato tornavo tra gli amici in attesa del secondo turno. Vengo chiamato e iniziamo. Tutta un’altra storia , avversario duro ed esperto. mi inchioda a terra per tutta la lotta annullando letteralmente il mio ju jutsu. Riesco a prendere due vantaggi e lui una penalità per inattività ma è il punteggio quello che conta, 5 a 4 per lui. Il mio Milano challenge termina ai quarti di finale ma non di certo la mia passione per l’arte suave.
Seconda lotta

Chi è l'autore

Avatar

News dai Feed RSS

X