UFC MMA USA

RISULTATI UFC Vegas 24 : Whittaker vs. Gastelum

Ufc vegas 24: Whittaker vs Gastelum
Scritto da Hype Art

UFC on ESPN: Whittaker vs. Gastelum /UFC on ESPN 22 /UFC Vegas 24 è l’evento della UFC del 17 aprile 2021 all’ UFC Apex di Las Vegas.

RISULTATI UFC VEGAS 24: WHITTAKER VS GASTELUM

MAIN CARD
Middleweight Robert Whittaker vince su Kelvin Gastelum per decisione unanime (50–45, 50–45, 50–45)
Heavyweight Andrei Arlovski vince su Chase Sherman per decisione unanime (29–28, 29–28, 29–28)
Middleweight Jacob Malkoun vince su Abdul Razak Alhassan per decisione unanime (30–27, 30–27, 30–27)
Catchweight (126.5 lb) Tracy Cortez vince su Justine Kish per split decision (29–28, 28–29, 30–27)
Lightweight Luis Peña vince su Alexander Munoz per split decision (28–29, 29–28, 29–28)

UNDERCARD
Heavyweight Alexander Romanov vince su Juan Espino per Technical Decision (split) (29–28, 28–29, 29–28) round 3, minuto 1:05
Women’s Strawweight Jessica Penne vince su Lupita Godinez per split decision (29–28, 28–29, 29–28)
Middleweight Gerald Meerschaert vince su Bartosz Fabi?ski per Technical Submission (ghigliottina)round 1, minuto 2:00
Lightweight Austin Hubbard vince su Dakota Bush per decisione unanime (29–28, 29–28, 29–28)
Bantamweight Tony Gravely vince su Anthony Birchak per TKO (pugno) round 2, minuto 1:31

BONUS DELLA SERATA:

Gli atleti meritevoli hanno ricevuto un bonus di $50,000

Fight of the Night: Robert Whittaker vs. Kelvin Gastelum
Performance of the Night: Gerald Meerschaert e Tony Gravely

 

Robert Whittaker: Masterclass di striking

RISULTATI UFC Vegas 24 : Whittaker vs. Gastelum 1

Robert Whittaker si conferma nuovamente su un altro livello quando si tratta di tecnica e striking, Kelvin Gastelum si è rivelato un tosto avversario con un ottimo mento e un buon pressing ma non è stato abbastanza.

50-45 x3 è sinonimo di dominazione totale. Il fulmineo jab seguito dal devastante head kick è ormai il marchio di fabbrica targato “The Reaper” e lo abbiamo notato molteplici volte durante il contest.
Footwork fenomenale, offensiva on point e fight iq over the top: Rob merita la rivincita contro Israel Adesanya, sorry Marvin.
Gastelum lascia l’ottagono a testa alta, è stato un valoroso avversario ma ha solo confermato che ci sono livelli in questa categoria.

Riassunto della card “strana” di ieri notte:

  • Jeremy Stephens vs Drakkar Klose sarebbe dovuto essere il co-main event ma durante il face off di ieri Jeremy ha spinto improvvisamente l’avversario causandogli un lieve infortunio alla spina dorsale: incredibile!
    Si mette male per il veterano adesso, attendiamo di sapere quale provvedimento prenderà la UFC.
    Sospensione? Rilascio? Multa? Nuovo match?
    Questo episodio si poteva evitare, poco ma sicuro.
  • Andrei Arlovski malgrado i 42 anni stupisce ancora e batte il giovane Sherman per decisione unanime regalandoci un divertente incontro.
  • Romanov vs Espino era un match eccitante ma dopo il fallo di Juan il moldavo non è riuscito a continuare e i giudici hanno optato per la “bizzarra” Technical Decision (split) win, facendo vincere Alex.
    Peccato, ci aspettavamo di più.
  • Gerald Meerschaert rinasce con una veloce sottomissione su Bartosz Fabi?ski facendolo svenire in 2 minuti tondi tondi e battendo il record per maggior numero di sottomissioni nella divisione dei pesi medi.

INTERVISTA POST FIGHT DI WHITTAKER:

I POSTERS:

Ufc Vegas 24

 

RISULTATI UFC Vegas 24 : Whittaker vs. Gastelum 2

 

 

Chi è l'autore

Hype Art

UFC super nerd, ex praticante di Muay Thai e Judo.
Amante dei pronostici: you can call me ‘Mystic Art’...
Because I predict these things!

1 Commento

  • Gastelum è di cemento. Ha incassato di tutto senza fare una piega o quasi. Grande prova di Whittaker, bravissimo, cresciuto, ma che avversario ostico. Evidente che il nostro buon Marvin per ora deve aspettare la sua occasione. La title shot direi che l’australiano se l’è guadagnata alla grande, (non che prima…), un incontro appresso all’altro.
    Ho visto il video di Sterling. Presa la cintura si è operato al collo. Stop da tre a sei mesi. Facciamo sei e non pensiamoci più.