UFC

UFC 146: Cigano & Breno

UFC 146: Cigano & Breno 1

UFC 146: Junior Dos Santos non si dimentica di quando era un ragazzino e regala un viaggio a un suo fan

 

UFC 146: Cigano & Breno 2COMUNICATO STAMPA  25 MAGGIO 2012

E CON IL CAMPIONE DEI PESI MASSIMI UFC®  IL SOGNO DI UN BAMBINO DIVENTA REALTA’

UN BAMBINO DI NOVE ANNI DI SALVADOR E’ VOLATO ALL’INCONTRO DEI PESI MASSIMI UFC 146

PER VEDERE IL SUO EROE DIFENDERE IL TITOLO

LAS VEGAS, NEVADA –  Il campione in carica dei pesi massimi UFC ®, Junior dos Santos, oggi è avvolto nella cintura d’oro UFC, ma c’è stato un tempo in cui era solo un povero ragazzo brasiliano che sognava di diventare, un giorno, un combattente e di fare una vita migliore.

Soprannominato “Cigano”, nome che gli deriva dalla somiglianza con un personaggio di una soap opera brasiliana, Dos Santos è cresciuto in povertà a Caçador, nel sud del Brasile, dove ha iniziato a frequentare i combattenti di judo e di jiu-jitsu di una palestra locale. È lì che ha iniziato a desiderare di diventare un giorno un professionista delle arti marziali. Dos Santos ha inseguito questo sogno fino alle luci di Las Vegas, dove sabato notte gareggerà nella UFC ® 146 Pay-Per-View, come più pericoloso lottatore di MMA (Arti Marziali Miste) sulla terra.

Esiste però anche il Dos Santos che ispira i sogni dei bambini. In occasione del viaggio a Las Vegas dove sta per incontrare il due volte campione Frank Mir, Dos Santos ha portato con se Breno Luis Ferreira, un bambino di nove anni che per mesi si era presentato nella palestra di Dos Santos a Salvador per seguire la preparazione del suo eroe.

“Appena finisce le lezioni a scuola Breno compare sempre. Ci piace averlo in palestra. È venuto in palestra così spesso che ormai è diventato un piccolo amico. Noi lo chiamiamo Little Guy – “piccolo ragazzo”. Dopo la mia ultima sessione di sparring prima di volare negli Stati Uniti, mi ha chiesto perché sono ??dovuto volare a Las Vegas, e quando gli ho spiegato il perché lui mi ha risposto che voleva venire ed aiutarmi vincere.

“Lui non aveva un passaporto,e neanche la madre aveva un passaporto. Però da ragazzino sono stato aiutato anche io. Così ho pensato che se fossimo riusciti a realizzare il sogno il questo ragazzino, se fossimo stati in grado, in qualche modo, di avverarlo, perché non avremmo dovuto provarci?”

Due dozzine di funzionari, in due continenti, hanno lavorato per far sì che fosse tutto a posto per Breno, sua madre Simone e il fratello Pedro Gabriel di 16 anni, che è volato negli Stati Uniti in tempo per assistere all’incontro di sabato. Sono atterrati all’aeroporto internazionale di Las Vegas’ McCarran International Airport mercoledì e sono stati ospitati in una camera dell’hotel MGM, che è più grande di tutta la loro casa a Salvador.

Parlando attraverso un interprete, Breno ha detto: “È così eccitante essere qui a Las Vegas. Anche  viaggiare in aereo è stato un sogno. Dal finestrino ho potuto vedere un sacco di cose, gli edifici grandi e noi che volavamo davvero in alto, sopra di essi, volavamo come in un sogno. Anche la nostra stanza qui è così bella e tutti sono così gentile con me, ma io sono qui per aiutare Cigano a difendere il suo titolo.”

“Cigano” è l’uomo più forte del mondo e  può sconfiggere chiunque anche se è una persona gentile. Sabato sconfiggerà Frank Mir. L’ho visto in palestra e lui vincerà con un gancio sinistro seguito da un montante destro. Questo succederà nel primo round”.

Dos Santos è felice di avere il suo amico in città. “E’ simpatico ed è divertente averlo intorno. Non è per niente timido. È un ragazzo spigliato, e ride sempre” ha spiegato il campione.

“Prima che io partissi per Las Vegas è saltato sul ring e ha gridato: “Ora sono un Dos Santos Junior! Il campione UFC! Sono Cigano! Vi metterò tutti KO!” e ha sfidato gli altri bambini a una finta lotta. In verità è un po’ più rumoroso del vero ‘Cigano’ ma ogni volta che viene in palestra è così eccitato!”

“A questo punto della mia carriera posso essere un modello, uno stimolo a migliorare, per questi giovani. I ragazzi vedono che tutti i combattenti che frequentano la palestra hanno belle macchine e si rendono conto con i propri occhi che lavorare duro può portare a a qualcosa di buono nella vita”

 

UFCÂ ® 146: DOS SANTOS vs MIR sarà visibile Pay-Per-View in Italia su SKY PRIMAFILA

Il campione in carica UFC dei pesi massimi Junior Dos Santos difenderà la sua corona contro Frank Mir, due volte campione, mentre Cain Velasque, già                 campione UFC dei pesi massimi – completamente guarito dal suo infortunio al ginocchio – torna alla lotta in un incontro che gli vede contrapporsi il                     pericoloso Antonio “Bigfoot” Silva.

Sono inoltre previsti altri attesissimi incontri, Roy Nelson vs Dave Herman; l’ imbattuto Stipe Miocic contro Shane Del Rosario, e  Stefan Struve affronterà lo             specialista dei KO Lavar Johnson.

Info su Ultimate Fighting Championship®
Riconosciuta a livello internazionale per i suoiimperdibili eventi nei palazzetti più importanti di tutto il mondo, l’UFC è l’organizzazione mondiale delle MMA (Arti Marziali Miste). Di proprietà di Zuffa LLC, con sede principale a Las Vegas e uffici a Londra, Toronto e Pechino, l’UFC produce più di 30 incontri live all’anno ed è il più grande provider di Pay-Per-View a livello globale. Nel 2011 l’UFC ha siglato un accordo di sette anni con FOX Sports     Media Group, portando l’UFC nel mainstream a livelli mai visti prima. L’UFC è visibile globalmente in un miliardo di case: in Italia è su Sky Sports 2 e Sky Primafila.

###

Chi è l'autore

Manolo

Manolo "El ChupaCabra"

Praticante di MMA, agonista di BJJ e grappling, ottimo conoscitore delle arti marziali miste e del valetudo. Manolo "El Chupacabra" non è niente di tutto questo.

6 Commenti

X