MMA USA UFC

CONOR MCGREGOR – L’EGO DEL GUERRIERO (2021)

CONOR MCGREGOR - L'EGO DEL GUERRIERO
Scritto da Hype Art

Conor McGregor: dov’è mentalmente il guerriero più famoso delle MMA.
Riuscirà a ritrovare il fuoco dentro di sé in vista della trilogia contro Poirier?

CONOR MCGREGOR – L’EGO DEL GUERRIERO

CONOR MCGREGOR - L'EGO DEL GUERRIERO

CONOR MCGREGOR PRIMA E DOPO – SPLIT

UFC 264 è alle porte, mancano poco meno di 6 settimane al grande match di chiusura e la trilogia segnerà uno dei due fighter per sempre:

  • Se Conor perde potrebbe ritirarsi e adios alla faccia della UFC.
  • Se Dustin perde Conor rinascerebbe come una fenice.

Ma siamo sicuri che Conor dopo aver raggiunto l’apice del successo e realizzato tutti i suoi sogni abbia ancora quella fame e quel fuoco che lo spingono a combattere?

L’ego è il più grande nemico di “Notorious” e durante questi anni, in particolare da dopo che sconfisse Poirier, possiamo notare una crescita smisurata dell’ego dell’irlandese in parallelo ad una netta evoluzione di entrambi gli atleti.

DUSTIN POIRIER – UMILTÀ E DURO LAVORO

CONOR MCGREGOR - L'EGO DEL GUERRIERO

Poster by Boss Logic

Se ci metti passione, impegno, determinazione e perseveranza puoi raggiungere tutti gli obiettivi che vuoi e Poirier dal 2014 è totalmente cambiato, fungendo da esempio per questi valori.
Ha avuto l’umiltà di imparare dagli errori commessi in passato ed ha usato il buoi che aveva intorno come suo amico per splendere contro avversari di altissimo livello come Conor, Alvarez, Gaethje e Holloway.

All’inizio della sua carriera era molto emotivo e arrabbiato e ciò lo ha trascinato a cader trappola di finalizzazioni per KO svariate volte.
Adesso Dustin 2.0 è riuscito a padroneggiare le emozioni e grazie alla calma interiore evidente sta diventando una superstar a forza di collezionare successi uno dietro l’altro.
Guardate com’era fragile ed emotivo contro Conor (andate a 7:02): https://youtu.be/TVnJ5JCxYfY

Stavo troppo dietro a quello che la gente diceva o pensava, ero investito dalle emozioni. Volevo solo fargli male ( a Conor) e pensavo che tutti fossero contro di me, perfino la UFC.
Adesso ho spento l’interruttore su tutto quel rumore: i media… I fans… Non mi importa più niente.

Un altro cambiamento che possiamo notare in “The Diamond” è l’accettazione sia nella vittoria che nella sconfitta.
Dopo aver battuto Justin e Hooker infatti ha ammesso di aver commesso errori in alcuni momenti ma ha comunque portato rispetto per gli sconfitti. Dustin non troverà mai una scusa, sia che vinca sia che perda, e questo è una gran qualità.

Il Poirier che affronterà McGregor il 10 luglio avrà sicuramente un grosso vantaggio mentalmente e tecnicamente sul suo avversario.

CONOR MCGREGOR – IL VECCHIO E IL NUOVO MC

CONOR MCGREGOR - L'EGO DEL GUERRIERO (2021) 1

Ecco le principali differenze tra la “old version” di conor e la nuova “soft version”:

Il vecchio Conor:

  • TRASH TALKING (Battute brillanti e che andavano a colpire le insicurezze dell’avversario, neutralizzandolo ancor prima della contesa).
  • PREDICTION AZZECCATE ( Lo chiamavano Mystic Mac per un motivo: indovinava l’esito dei suoi match col minimo dettaglio).
  • SELF CONFIDENCE FINO AL CIELO ( Si paragonava a Dio, a Gesù ad un re e a un Boss).
  • LINGUAGGIO NON VERBALE ESAGERATO ( Gesticolazione delle mani e di tutto il corpo molto evidente e a tratti esagerata).

Il nuovo Conor:

  • “TRASH TALIKNG” INESISTENTE ( Preferisce restare “umile” e fare troppi complimenti ai suoi avversari, vuole fare “l’amicone”).
  • NEUTRALE E DUBITANTE NELLE PREDICTION ( Resta sul vago nel rispondere alle domande sulle prediction, preferisce affermare di voler andare ai punti e creare delle vere e proprie “guerre” di 5 round piuttosto che dire: ” lo butterò giù al 1 round per KO!”).
  • CONCENTRATO SULL’APPARENZA E SULL’ASPETTO FISICO ( Si definisce giovane, in ottima forma fisica e con un aspetto da vero lightweight. In pratica si descrive in base agli attributi fisici e non si paragona a Dio o ad un re. Sembra più concentrato sull’apparire figo e muscoloso su instagram o davanti alle telecamere che al combattimento).
  • LINGUAGGIO NON VERBALE NORMALE/”CONTENUTO” ( Potrete notare nelle sue press conference che la gesticolazione delle mani e la sua postura sono più diplomatiche e composte con pochi gesti e tanto controllo e contenimento nei movimenti).

A voi i commenti.
https://youtu.be/b5d8SYW4eWg

Partite dal minuto 25:00 nella seconda conferenza qua sotto.

Siamo sicuri che i soldi, il successo, la fama e l’ego non abbiano preso il sopravvento sull’adorato McGregor?

CONOR MCGREGOR - L'EGO DEL GUERRIERO (2021) 2

Ricordo un giovane Conor motivato, sicuro e con uno stile tutto suo: unico.
Dopo essere diventato il “Champ Champ”, come aveva previsto, si è piano piano addolcito e spento, non vedo più quella fiamma dentro di lui che lo spinge ad impressionare il mondo e a superare i propri limiti.
Che cosa ha ancora da dimostrare?

Poirier al contrario si è quasi irriconoscibile: è diventato una bestia come atleta!

 

Riuscirà “El Chapo” – Conor McGregor –  a trovare quella forza, quel posto oscuro dentro di sé, quel mindset da campione per tornare al top e riconquistare la sua reputazione e le sue cinture o abbiamo già assistito alla migliore era di McGregor?

Chi è l'autore

Hype Art

UFC super nerd, ex praticante di Muay Thai e Judo.
Amante dei pronostici: you can call me ‘Mystic Art’...
Because I predict these things!

Lascia la tua opinione