MMA USA Bellator MMA

Live Bellator Euro Series 8: Edwards vs. Van Steenis – Play by play

Live Bellator Euro Series 8: Edwards vs. Van Steenis - Play by play 3

Live Bellator Euro Series 8: Edwards vs. Van Steenis  non solo è una card da leccarsi i baffi per noi italiani… è pure LIVE sul canale di Bellator… e noi ce lo guardiamo facendo un play by play.

Nella card ricordiamo:

  • Chiara Penco
  • Daniele Scatizzi
  • Stefano Paternò
  • Nicolo Solli
  • Pietro Penini

Euro Series 8: Edwards vs. Van Steenis – Play by play

Danni Neilan (2-0) vs. Claire Lopez

La Neilan irlandese della SBG Dublino la conosciamo purtroppo molto bene avendo battuto la nostra Chiara Penco a Bellator 240 lo scorso febbraio. Quella vittoria ha portato il suo record pro a quota 2-0, entrambe vittorie ai punti in Bellator. Da dilettante è stata medaglia d’Argento ai Mondiali IMMAF 2017. La Lopez è invece un’atleta francese di base a Londra. Per lei sarà il debutto in Bellator. Ha un record di 4-2 con 2 finalizzazioni e 2 Ko. 3 di questi successi sono arrivati al primo round.

 

Strawweight Bout: Chiara Penco (4-2) vs. Aleksandra Toncheva Plamenova (2-1-1)

“Beasty Barbie” Chiara Penco è al suo secondo match in bellator. Ha 24 anni ed ha esordito da pro nel 2017 finalizzando in 88 secondi la francese Judith Levi.

Attualmente ha un record di 4 vittorie (3 per finalizzazione) e due sconfitte ai punti. È stata campionessa nella promotion sudafricana EFC.

La bulgara Aleksandra Toncheva, campionessa del mondo e due volte campionessa europea dilettanti IMMAF. Professionista dal 2017 ha sostenuto solo 3 match vincendone 2 ai punti e pareggiandone uno in promotion minori. Aveva invece esordito nella nipponica RIZIN con una sconfitta, sempre ai punti, contro l’esperta giapponese Kanna Asakura.

R1 – qualche scambio in piedi, con l’avversaria che tira overhand come se non ci fosse un domani, al primo takedown, chiara mette la guardia ed è super aggressiva (quasi) chiudendo un triangolo che diventa armbar e che la bulgara difende non si sa come. Secondo le nuove Unified Rules è 10-8 per me.

R2 – round parte simile al primo, ma in questo caso Chiara è più stati sulle gambe e non sempre di difende bene dagli overhand dell’avversaria, probabilmente i 3+ minuti del round prima a far triangolo già si fanno sentire sulle gambe. Nonostante questo  alla prima occasione c’è un altro takedown, Penco ancora con la sua guardia chiude un triangolo, ma questa volta preferisce chiudere il match tempestando l’avversaria di hammer fist. L’arbito chiude il match e Chiara vince e convive!

Featherweight Bout: Richie Smullen (5-2-1) vs. Harry Hardwick (5-2)

Richie Smullen è uno dei tantissimi fighter della SBG Ireland. Ha 29 anni e combatte da 7.  In 4 anni da pro per ora è a 5-2-1 con 1 ko e 3 finalizzazioni. Ex concorrente TUF 27 in Bellator ha vinto 2 match (1 per finalizzazione) e ne ha perso 1 per split decision.

Harry Hardwick, ha un record di 5-2 da pro e 4-1 da dilettante. Da professionista ha 1 successo per Ko e 2 per finalizzazione.

Light Heavyweight Bout: Luke Trainer (3-1) vs. Alex O’Toole (4-3-1, 1 NC)

Luke “The Gent” Trainer (7-1 da dilettante, 3-0 da pro con 2 finalizzazioni ed 1 Tko) è al suo primo match con Bellator. È in forza alla Titan Fighter di Londra dove è allenato dall’ex UFC e WEC Brad “One Punch” Pickett.  Vedremo come se la caverà con un altro esordiente, Alex O’Toole (4-3-1-1 NC con 1 Ko e 3 finalizzazioni). Arriva da 2 vittorie per sottomissione al primo round.

O’Toole non si presenta proprio al massimo della forma, Trainer al contrario non solo è splendente, ma è anche spinto dal Belltor, sempre alla ricerca di bei personaggi.

Luke Trainer è una via di mezzo tra Luke Barnatt e Max Felicitas.

R1 – match inizia con O’Toole che cerca un take down, che non trova appieno e in pochi secondi si trova con Trainer alla schiena, con body lock… cambio posizione, Gnp, match finito

Bantamweight Bout: Frans Mlambo (8-5) vs. Cory Tait (10-5)

Frans “The Black Mamba” Mlambo è un sudafricano di base alla SBG Dublino. Notevolissima la sua carriera da dilettante. Con uno score di 10-2 ha infatti conquistato il titolo mondiale IMMAF Pesi Piuma ed il titolo Gallo CHAOS FC, entrambi nel 2015. Professionista da 5 anni ha combattuto in BAMMA e Brave CF prima di entrare in Bellator.  Da pro ha uno score di 8-5 con 4 Ko e 3 finalizzazioni.

Cory “Capcom” Tait, inglese del team Blackzilians sarà al suo esordio in Bellator dopo una lunga militanza in Cage Warriors e UCMMA dove ha conquistato il titolo Pesi Gallo. Ha vinto 10 match, esattamente metà per Ko e metà per finalizzazione, e ne ha persi 5.

R1 – Come c’è da aspettarsi dai pesi gallo, partono a cannone, cambi di altezza. calcio nelle palle, ma vabbe. round abbastanza equilibrato direi che Mlambo di porta a casa un 10-9 anche solo per l’ultimo low kick / spazzata che ha piazzato.

R2. Altri scambi anche qui Mlambo ha fatto quel poco di più per portarsi a casa il round (Capcom non è riuscito a fare heel hook e si è preso un po’ di palate)

R3. Altri scambi

Alla fine vince per decisione unanime Mlambo

Featherweight Bout: Aidan Lee (8-4) vs. Jeremy Petley (13-8-1)

l’inglese Aidan Lee,  è passato pro nel 2015 e prima di entrare in Bellator ha combattuto in BAMMA e Cage Warriors. Attualmente ha un record di 8-4 con 1 Ko e 5 finalizzazioni.

All’Allianz Cloud se la vedrà col molto più esperto Jeremy “ninja” Petley, canadese ma di base alla London Fight Factory. È in Bellator dal 2017 e per ora ha 3 vittorie ai punti in altrettanti match. In carriera invece è a quota 13-8-1 con 2 Ko e 4 finalizzazioni all’attivo.

Lee sarà altro 30 cm più alto di Frodo Askren: temo in un mismatch.

R1 – Petley, non ha vantaggi nello striking (una differenza di reach incredibile) e non riesce nemmeno a fare i single leg per lo stesso problema. entrambi saltellano tantissimo. Temo che appena il canadese avrà le gambe più pesanti sara punito. 10-8 per Lee.

R2 – Round fotocopia del primo, ma Lee più aggressivo e Petley con meno speranze. all’ennesimo tentativo di single leg si prende una ginocchiata / kick di incontro che lo mette a KO. Lee non infligge nemmeno ulteriore danno. Vittoria netta.

Lightweight Bout: Daniele Scatizzi (9-5) vs. Gavin Hughes (10-1)

Daniele Scatizzi è uno dei più popolari fighter italiani di MMA, grazie alla sua tecnica ma anche per la sua irresistibile simpatia. Nativo di Ladispoli oggi si allena tra il team Ramada di Lecco e la SBG Ireland di Dublino.

Gavin Hughes viene da Liverpool ed ha un record di 10-1 da pro. Vanta 4 vittorie per Ko e 5 per finalizzazione. Ha perso solo la sfida per il titolo Pesi Leggeri EFC nel 2018 contro il molto più esperto Martin Van Staden. Su tapology lo danno tutti o quasi vincente

R1 – mini scambio Gabbia, lo solleva, lo porta in mezzo alla gabbia, lo butta perterra, side control, prende il collo, e mette una ghigliottina di gran pregio. Scat vince in maniera DOMINANTE come nessuno, finalizzano Hughes con la sua signature move. Grandissimo Scat

il mio commento:

Live Bellator Euro Series 8: Edwards vs. Van Steenis - Play by play 4

 

 

Lightweight Bout: Akonne Wanliss (4-1) vs. Alfie Davis (13-3)

Akonne “The J3di” Wanliss è un atleta britannico di origini giamaicane dal record pro di 4-1 con 1 sconfitta ai punti al suo esordio e 4 vittorie consecutive prima del limite, 3 per Ko ed 1 per finalizzazione. È stato campione di Gran Bretagna dilettanti ed ha partecipato ai Mondiali IMMAF 2016 dove ha finalizzato il norvegese Jorgen Indsetviken già Bronzo agli Europei IMMAF.

Alfie Davis (13-3 con 5 Ko e 3 finalizzazioni, 4-0 in Bellator con 1 Ko). Davis è noto in Italia per aver purtroppo sconfitto i nostri Daniele Scatizzi ed Alessandro Botti. Arriva da 3 vittorie consecutive e non ha mai perso per Ko o finalizzazione.

R1 – non l’ho visto :-) stavo festeggiando per Scat

R2 – non l ho visto, stavo parlando col brunelli

R3 –  non l ho visto sono in preparazione spirituale per Stefano

Welterweight Bout: Ion Pascu (18-10) vs. Stefano Paternò (13-3-1)

Pascu è un lottatore di altissimo livello: il suo gamplan sarà quello di annullare tanto lo striking letale quanto il bjj aggressivo di Stefano. Ci riuscirà?

R1 – Pascu aspetta la prima occasione (high kick di Paternò) per fare un take down e un po’ di lay and pray. Qualche tentativo di Paternò per finalizzare, ma inutile. Tanto quanto basta a Pascu per vincere 10-9

R2 – fotocopia del round 1, Paternò disarmato nei suoi punti di forza e contro il peggior cliente in un match a terra. Pascu si porta a casa un altro 10-9

R3 – non ve lo dico nemmeno, fotocopia del round 1 e 2, Paternò prova quello che può ma il livello di lotta e di posizioni del rumeno sono a un livello stellare, e la differenza è davvero alta. Paternò riesce a rialzarsi nell’ultimo mezzo minuto, ma non è abbastanza per vincere il round: altro 10-9 per Ion.

Lightweight Bout: Nicolo Solli (3-0) vs. George Hardwick (5-1)

George Hardwick è il fratello di Harry che ha combattuto a inizio evento. Solli lo conosciamo: stile poco ortososso, non prevedibile, ottimo jiu-jitsu. Non ho visto bene il match quanto avrebbe meritato perchè da fan di stefano dovevo ancora digerire la sconfitta.

Middleweight Co-Main Event: Mike Shipman (13-3) vs. Pietro Penini (9-1-1, 1 NC)

R1 – entrambi molto cauti. Qualche scambio interessante e condizione di sostenziale parità fino a un minuto dalla fine quando Shipman mette a segno un takedown. poca roba, ma abbastanza per il 10-9

R2 – entrambi ancora mega cauti- pochissimi colpi sono portati. altro round di studio quasi. Shipman si è preso dei lowkick e la sua mobilità è scesa e Penini è ferito sotto l’occhio. Round pari, potrebbe averlo vinto uno o l’altro.

R3 – Pietro deve vincere di misura il round, se non addirittura chiudere prima del tempo per essere sicuro. Dopo un po’ più di movimento Shipman mette a segno un Takedown e lavora da li. 10-9 pieno.

Vince Shipman per decisione unanime.

Middleweight Main Event: Fabian Edwards (9-0) vs. Costello van Steenis (12-2)

Anche se era un match che stilisticamente mi ispirava molto ho chiuso tutto. fuck it.

 

Dove vedere Bellator Euro Series 8 (Milano) ?

Chi è l'autore

Manolo

Manolo "El ChupaCabra"

Praticante di MMA, agonista di BJJ e grappling, ottimo conoscitore delle arti marziali miste e del valetudo. Manolo "El Chupacabra" non è niente di tutto questo.

X