MMA Europa

Il “Face to Face” prima di KSW 31 svela che lo stadio non è solo per il pallone

Il "Face to Face" prima di KSW 31 svela che lo stadio non è solo per il pallone 1
Kamil Werno
Scritto da Kamil Werno

Sembra proprio che la promotion polacca KSW abbia messo la 6° marcia e continui a spingere sull’acceleratore.Quali sono le prove della sua velocità?

Il 20 Maggio 2015 i protagonisti del prossimo evento di KSW 31,per la gioia di tifosi e fotografi,hanno partecipato al “face to face” per dare ancora più carica alla serata all’evento di Sabato 23 Maggio 2015.Questa volta KSW ha compiuto un’altro salto di qualità,mettendo a confronto i lottatori in un contesto “storico – culturale” di tutto rispetto: l’incontro con i fan e i giornalisti si è svolto all’interno del Palazzo della Cultura e della Scienza di Varsavia.

pkin

 

 

 

All’entrata di questo monumento,che presenta 42 piani (237 metri di altezza) ed è stato costruito durante il periodo del Blocco Sovietico dal 1952 al 1955,troviamo le statue dello scrittore Adam Mickiewicz e dell’astronomo Niccolò Copernico; al suo interno possiamo trovare un teatro,biblioteche,cinema,musei,sala congressi in grado di ospitare 3000 persone e diverse facoltà universitarie: parlando quindi di arti – marziali la location mi sembra quella giusta,perchè l’MMA è arte.Immaginate se si potesse fare una cosa simile in Italia dentro al Colosseo,che tocco magico darebbe al “face to face” ?

Durante la presentazione degli atleti è intervenuto anche il vice-sindaco di Varsavia Jaroslaw Jozwiak,che ha svelato altre interessanti carte per il futuro di KSW:

Le origini di KSW sono qui a Varsavia ma l’Arena Torwar è diventata troppo piccola per eventi di questo tipo.Tra i vari progetti della città,c’è la costruzione di una nuova Arena però sembra,visti i successi degli ultimi eventi sportivi organizzati all’interno dello stadio Nazionale,che anche KSW potrebbe trovare lì il suo spazio.Allo stadio abbiamo già avuto modo di vedere la partita di Pallavolo,gare di Speedway e ora c’è spazio per KSW.Stiamo parlando con i capi delle Federazione e il 2016 promette bene,speriamo di riuscirci.

Uno dei 2 capi di KSW,Martin Lewandowski,risponde in merito a questo ambizioso progetto,dicendo:

Speriamo di riuscirci nel 2016 però è importante avere il supporto della città perchè parliamo di una struttura gigante, 3 o 4 volte più grande rispetto alle strutture usate fino ad oggi.Cambia totalmente la logistica,abbiamo bisogno anche di nomi conosciuti e il giusto supporto di Varsavia.

Sicuramente richiede un impegno enorme l’organizzazione di un evento all’interno di una struttura da quasi 60.000 spettatori ma non riesco ad immaginarmi che tipo di grand-opening riuscirebbe a fare KSW dentro lo stadio: da paura!

 

260px-Stadion_Narodowy_w_Warszawie_20120422

 

Di seguito qualche foto del “face to face” prima di KSW 31.

 

 

 

drwal_matrla Da sinistra: Tomasz Drwal vs Michal Materla

a3

Da sinistra: Rolles Gracie vs Mariusz Pudzianowski

a2

Da sinistra: Karol Bedorf vs Peter Graham

a11

                                                                        Da sinistra: Goran Reljic vs Attila Vegh

 

 

 

Chi è l'autore

Kamil Werno

Kamil Werno

Responsabile della sezione Est Europa, Kamil è famoso su grappling-italia per il suo occhio: i fighter di cui parla oltre ad appassionare diventato sempre dei campioni !

8 Commenti

  • Kamil, io non so più che dire. Questi non hanno messo la sesta ma sono saliti su un MagLev!
    Riuscire addirittura a superare quello che fanno in UFC non sarebbe male.
    Inoltre bellissima presentazione del ‘Palazzo della Cultura e della Scienza di Varsavia’ che hai fatto mi ha fatto venire la voglia di andarci…

  • Anni fa mi imbattei in una mostra di poesie all’interno di un Centro Civico che mi piacque enormemente.
    L’autore credo che fosse polacco. Lo stile era, se non ricordo male, piuttosto attuale, moderno, ma non balzano o surreale . Sfortunatamente non presi i riferimenti anagrafici.
    Kamil, hai qualche nome di poeta polacco, così da poter recuperare ‘le temps perdu’?

    • E dico che questi sanno davvero il fatto loro, sono fottutamente cocreti, ed evidentemente non si perdono in particolarismi, invidie, campanilismi scemi, che ci fanno vivere in una realtà italiana che sembra un Palio di Siena perenne ma che nulla ha di divertente, anzi controproducente. Se gli altri paesi sapessero fare tesoro di ciò che si sta facendo in Polonia, il movimento delle MMA europee diverrebbe una realtà ben più grande e consolidata.
      Col modello KSW, si potrebbe davvero diventare l’UFC europea. Anche perchè non è che qui l’UFC stia facendo chissà che, è quasi assente. Lo si capisce anche dai nomi che portano agli eventi, mai un grande nome tipo Silva, Diaz, Cormier ecc.
      Auspico sinceramente, ma questo è un sogno(o forse no) che il KSW si ingrandisca ancora, fino a estendersi a tutti i paesi.

      • E l’ultima l’avete letta su Italian MMA? Leggete qui:
        ” Andare al cinema per seguire in diretta un evento di MMA?In Polonia è possibile. KSW ha firmato un contratto con la catena Nazionale di cinema “Multikino” per trasmettere in diretta,Sabato 23 Maggio,l’evento KSW 31: la serata di MMA sarà trasmessa in 11 sale di 10 città diverse. Uno dei match più attesi è quello tra il Campione dei Pesi Massimi Karol Bedorf (11-2) vs Peter Graham (10-8).”

        Cioè questi organizzano la visione degli eventi nei cinema?!? Ma allora sono andati proprio oltre!

        • bepo,in effetti non so a quale velocità stiano viaggiando quelli di KSW,spero solo che abbiano allacciato bene le cinture!Nei primi anni avevano iniziato facendo piccoli passi,senza mai fare il passo più lungo della gamba,mentre ora i loro passi sono lunghi e ben distesi.Secondo me creano anche la giusta “fame” di KSW nel pubblico,come? Tra un evento e l’altro passano circa 3/4 mesi.Fai conto che praticamente fino ad 1 mese prima e 1 o 2 settimane dopo l’evento,non si parla di KSW,degli incontri e dei lottatori,quindi niente “tormentoni” quotidiani sulla promotion,nessuna intenzione di apparire a qualsiasi costo per far parlare di sè.Loro hanno i loro tempi e sanno che anche facendo “capolino” ogni tanto,la gente andrà al cinema e pagherà il ppv per la tv di casa,perchè se una cosa ti piace molto (le MMA e gli sport da combattimento sono molto diffusi in Polonia) e non la vedi da un pò di tempo,la comprerai sicuramente.Hanno creato un prodotto spettacolare e credo che,con i nomi giusti e un costo dei biglietti differente da un’arena al chiuso,riusciranno a riempire anche uno stadio…comunque anch’io sono senza parole per quello che stanno facendo.

    • Ciao Tommy!Per quel che riguarda i poeti polacchi,direi che tra i nomi più importanti troviamo: Zbigniew Herbert, Tadeusz Rozewicz,Czeslaw Milosz e Adam Zagajewski.Potrebbe essere uno di questi?

      • Ciao Kamil! Ora darò un’occhiata, ma da quel che ho già letto sul web, c’è una bella tradizione di poeti nella tua Polonia. Il loro stile è molto simile al mio, e naturalmente è quello che preferisco!

  • Sono d’accordo con te Bepo!
    P.S. se provo a rispondere sotto il commento di Bepo, compare la sua icona, non la mia!

X