La Dream naviga in Pessime acque…

Sembra che la dream Navighi in Pessime acque. Nonostante il piano multi-milionario di ralancio con la cinese Puji sembra che ancora non sia arrivato un flusso di denaro sufficiente…. Ne avevo parlato sul forum Italian MMA : La Feg deve ancora pagare Bibiano Fernandes, Gary Goodridge, Andy Souwer, ( e anche il nostro Petrosyan .. dato che il suo manager olandese si lamentava qualche mese fa).

Ovviamente il pacco non l’ha dato solo agli stranieri ( maledetti Gaijin) ma anche ai compaesani. Sembra che finora siano riusciti a pagare i fighter soltanto grazie ai diritti dell’evento di capodanno!!

Come è possibile questo, stadi pieni e casse vuote ??

  • la K-1 è stata acchiappata per evasione (e il boss Ishii è andato in prigione) quindi adesso deve pagare tasse extra (oltre a tutte le altre spese)
  • Il casino Pride / Yakuza / Fuji
  • in parte la concorrenza degli usa ha fatto alzare le borse
  • Meno soldi dalle TV

sembra quindi che la DREAM sia alla canna del Gas… la Puji deve entrare il prima possibile con denaro fresco se no qui se chiude baracca e burattini !!

  1. i giapponesi sono sempre stati per il tutto o nulla, non hanno mai saputo costruire qualcosa che rimanesse in piedi al lungo…..hanno “strapagato” gente e campioni per 1 o 2 incontri a volte in co-compartecipazione con altri eventi e società di eventi mma e hanno fatto sempre un buco nell’acqua. magari alcuni di voi non si ricordano i premi milionari per gente come filho o barnett (quando nessuno gli faceva combattere ovvi motivi solo i giapponesi potevano)…..ora che la UFC sta cominciando a mettere mano in europa farà ulteriormente terra bruciata……e soprattutto non contiamoci cavolate i soldi te li fanno fare i PPV, alcuni diritti di trasmissione, la vendita e acquisto dell’immagine di alcuni fighter, capacità di promuovere e vendere e in questo gli americani hanno molto da insegnare ai giapponesi (vedi ultimo incontro silva grazie a quel testa calda di un repubblicano)…… dureranno poco, e come sempre dopo un ennesima fusione e qualche riccone che avrà voglia di riprendere in mano tutto e bruciare un pò di soldi, rinascerà dalle sue ceneri un altro aborto giapponese.

    P.S. ci tengo a dire che spesso e volentieri ho preferito gli eventi organizzati dalla dream, pride(orginale) e altri eventi nippon che le solite “americanate” alla toney (simili più che altro ad un circo ambulante) ma mi deludono sempre quando fanno questi “buchi finanziari”…..baaaah!!

  2. ma porc….e io speravo in un decentramento da quei ca..o di americani!

Comments are closed